Obesità infantile: tali genitori, tali figli

L’obesità infantile è un pesante fardello ereditato da mamma e papà, in base al loro peso. Importante intervenire per salvaguardare la salute dei più piccoli

L’ obesità infantile potrebbe essere ereditata dai genitori per il 60 per cento. A sostenerlo è una ricerca dell’Università di Sussex (Regno Unito), pubblicata sulla rivista scientifica Economics and Human Biology, affermando anche che il 35-40% dell’indice di massa corporea dei bambini si eredita da mamma e papà, tramite Dna o per ambiente familiare.

100.000 bambini sotto osservazione

Gli studiosi hanno preso in considerazione 100mila famiglie, esaminando bambini e genitori di 6 Paesi differenti: Spagna, Gran Bretagna, Messico, Usa, Cina e Indonesia. I ricercatori hanno così scoperto che l’indice di massa corporea dei più piccoli è risultato trasmesso per il 20% dal papà e per il 20% dalla mamma, proporzionalmente al peso: nei bambini obesi saliva al 30%, mentre in quelli magri addirittura scendeva del 10%. Dallo studio sull’obesità infantile, peraltro, non è emersa alcuna differenza in rapporto al reddito e al grado di istruzione.  I risultati sarebbero stati costanti in tutti i Paesi esaminati, sia in quelli con una percentuale più alta, come gli Stati Uniti d’America, sia in quelli con un Imc più basso, come la Cina.

Genitori obesi avranno figli obesi

L’autore principale della ricerca sull’ obesità infantile, il dottor Peter Dolton, sottolinea che questi dati dimostrano come i figli di genitori obesi hanno maggiori probabilità di essere a loro volta obesi da grandi, probabilità raddoppiate nei bambini in sovrappeso.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

L’Italia è uno dei Paesi d’Europa più colpiti dall’ obesità infantile, con un 3% di bambini in sovrappeso superiore alla media.