Guardaroba in gravidanza: i trucchi per non spendere troppo

Durante la gravidanza, il guardaroba della futura mamma deve necessariamente essere rinnovato. Non serve, però, spendere troppo. Ecco come fare

Per quanto si stia attente e per quanto poco si aumenti di peso, in gravidanza è inevitabile andare incontro a una serie di trasformazioni fisiche importanti. Impossibile, quindi, continuare a usare il guardaroba di prima. Questo non significa, però, che si debba comprare un’intera collezione prémaman. Ecco alcuni consigli per sentirsi comode e belle senza spendere una fortuna.

Via libera ai leggings in gravidanza

Il capo irrinunciabile per ogni futura mamma? I leggings. Sono pratici, si adattano facilmente alle varie epoche della gravidanza e si abbinano praticamente a tutto, dalle t-shirt ai maglioni. E fortunatamente costano poco. Specialmente nei primi mesi non è necessario ricorrere ai modelli prémaman: anche quelli normali vanno benissimo. Infatti, sono elasticizzati e si adattano alle forme del corpo della mamma. Con due-tre leggings di colore diverso il guardaroba sarà già quasi formato. In aggiunta, visto che si va verso la stagione fredda, è utile dotarsi di due-tre paia di pantaloni o di jeans prémaman con elastico in vita. Se, invece, si va verso l’estate, meglio scegliere gonne comode e ampie o pantaloni in lino, sempre prémaman.

Bastano pochi acquisti

Indispensabile, poi, comprare delle magliette o dei maglioni, a seconda della stagione. Il consiglio è di scegliere modelli ampi e di un paio di taglie più grandi rispetto alla propria. Le linee di moda prémaman permettono poi di concedersi anche qualche capo più impegnativo, come  un giaccone o un abito elegante per le occasioni speciali.

Camicie ampie

Nel guardaroba della donna incinta non possono poi mancare un paio di camicie da notte larghe, che serviranno anche al momento del parto e del ricovero in ospedale. Infine, bisogna pensare alla biancheria intima. In genere, il seno aumenta di volume, per cui occorre comprare qualche reggiseno di una-due taglie maggiori rispetto a quella abituale. Un consiglio? Puntare sui modelli per l’allattamento, così li si potranno utilizzare anche dopo il parto: sono molto comodi per allattare al seno il bebè. Per quanto riguarda gli slip, non necessariamente bisogna acquistarne di nuovi: dipende da quanto si aumenta sui fianchi e sui glutei. 

 
 
 

In breve

QUANTO SI SPENDE?

Ovviamente, ciascuna futura mamma è libera di destinare al rinnovamento del proprio guardaroba la cifra che ritiene più opportuna. Comunque, è bene sapere che con una spesa media di 300-400 euro si può comprare l’indispensabile per i novi mesi.

Vinci Berlino con Essence