Influenza

//static.bimbisaniebelli.it/wp-content/uploads/2014/12/malattie-febbre-300x150.jpg
Come gestire l’influenza dei bambini
I bambini sono una delle categorie considerate molto vulnerabili al virus dell’influenza. Ecco per quali ragioni e quali regole seguire per proteggerli
Con l’arrivo dei primi veri freddi inizia la stagione clou per l’influenza. Per questo, è importante arrivare preparati all’appuntamento con i virus e sapere come comportarsi in caso di malattia.
È una malattia infettiva
L’influenza è una malattia infettiva acuta dell’apparato respiratorio. È tipicamente invernale perché il riscaldamento e l’umidità elevata favoriscono la diffusione dei virus responsabili, mentre il freddo indebolisce le difese immunitarie. I bambini sono una delle categorie più colpite dalla malattia. Innanzitutto, perché hanno un sistema immunitario ancora immaturo, per cui sono più vulnerabili agli attacchi dei microrganismi nocivi. In secondo luogo, perché trascorrono gran parte del loro tempo in luoghi chiusi (asili, scuole, mense scolastiche, palestre), a stretto contatto con altre persone potenzialmente infette. Infatti, occorre tenere presente che i virus influenzali si diffondono facilmente negli ambienti chiusi e affollati.
Come si manifesta
In genere, l’influenza si manifesta con la comparsa improvvisa di un problema respiratorio, come tosse o raffreddore, accompagnato da febbre, solitamente sopra i 38° C. La febbre sale rapidamente nelle prime 24 ore e cala gradualmente nell’arco di quattro-cinque giorni (ma in alcuni casi può persistere anche più di una settimana). Oltre a questi possono comparire poi uno o più sintomi generali, tipo cefalea, malessere, profonda stanchezza, brividi, sudorazione. Anche quando la temperatura scende può permanere una sensazione di spossatezza, a maggior ragione nei bambini.
L’origine è virale
L’influenza è una malattia di origine virale. I tre tipi di virus influenzali attualmente conosciuti appartengono al genere Orthomixovirus: il tipo A e B, responsabili della classica influenza, e il C, che generalmente non dà sintomi o solo un comune raffreddore. I virus A circolano nell’uomo e in altre specie animali e si dividono in vari sottotipi. I virus B sono presenti solo nell’uomo. I vari ceppi mutano e si trasformano ogni anno. In ogni caso, la modalità di contagio è sempre uguale: i virus si trasmettono per via aerea attraverso le secrezioni respiratorie (tosse, saliva, rinorrea) emesse da un soggetto malato mentre parla, tossisce o starnutisce oppure per contatto con oggetti infetti. I malati sono contagiosi già 36-48 ore prima della comparsa dei sintomi e questo non fa che facilitare il contagio, poiché il virus può essere trasmesso da persone apparentemente sane.
Quando rivolgersi al pediatra
Nei bambini sani, generalmente, l’influenza non dà origine a particolari complicanze. Tuttavia, nel caso in cui il piccolo sia soggetto a vomito, accelerazione del respiro, dolore al torace o all’addome, sonnolenza, scarsa reazione agli stimoli, ridotta produzione di urine e lacrime, è meglio avvertire il pediatra. Lo stesso se ha meno di sei mesi, se le cure non danno alcun risultato oppure se è affetto da malattie croniche.
Tanti liquidi e riposo
Per curare l’influenza, occorre tenere il bambino a casa, in un ambiente caldo (ma non troppo). Il piccolo deve stare a riposo, ma non necessariamente a letto. Per trattare la febbre, specialmente se supera i 38-38,5 gradi si può somministrare un antipiretico. Da preferire il paracetamolo. In caso di disturbi alle vie respiratorie, si possono eseguire suffumigi con acqua calda e bicarbonato o estratto di camomilla oppure aerosol con soluzione fisiologica. In presenza di tosse, il pediatra potrebbe consigliare di ricorrere allo sciroppo. Per pulire il naso, specialmente nei bimbi piccoli, sono indicati i lavaggi con soluzione salina fisiologica. Il bimbo malato non va forzato a mangiare, ma invitato a bere molto: vanno bene acqua, ma anche tè, tisane e spremute. In questo modo si reintegrano i liquidi persi con la sudorazione.
Esiste il vaccino
Per prevenire l’influenza si può ricorrere alla vaccinazione antinfluenzale, consigliata soprattutto ai bambini con malattie croniche o debilitanti. La protezione inizia a distanza di circa due settimane dalla somministrazione. È bene sapere che il vaccino è sconsigliato nei lattanti sotto i sei mesi. I virus dell’influenza cambiano di anno in anno e, quindi, ogni volta bisogna mettere a punto un nuovo vaccino.
Influenza, picco in arrivo a fine gennaio

Influenza, picco in arrivo a fine gennaio

A letto con l’influenza circa 5 milioni di persone. Appello dei medici di famiglia: gli antibiotici non servono  »

Influenza: vaccinarsi subito perché sarà molto aggressiva

Influenza: vaccinarsi subito perché sarà molto aggressiva

Contro l'influenza 2016-2017 gli esperti raccomandano di sottoporsi al più presto al vaccino anti-influenzale perché quest’anno sarà particolarmente pesante   »

Influenza: ecco i virus responsabili

Influenza: ecco i virus responsabili

Identificati i ceppi virali che causeranno l’influenza di quest’anno, che si preannuncia più “cattiva” del solito. Quali sono, da dove arrivano e come difendersi  »

Influenza: le donne la sopportano meglio degli uomini

Influenza: le donne la sopportano meglio degli uomini

Le donne sembrano più resistenti nei confronti dell’influenza. Dipende tutto dall’azione difensiva degli ormoni che rallentano il virus  »

Anno nuovo, influenza vecchia

Anno nuovo, influenza vecchia

Anche quest’anno l’influenza farà la sua comparsa, ma in una veste conosciuta. Infatti, sarà di nuovo il turno del vecchio ceppo AH1N1, proveniente dalla California e targato 2009   »

Influenza: inizia ora a prevenirla

Influenza: inizia ora a prevenirla

Per evitare l’influenza, bisogna muoversi in anticipo. Con le giuste precauzioni e con il vaccino, rivolto alle categorie a rischio, ma non solo. Ecco i consigli degli esperti  »

Ecco la dieta anti-influenza

Ecco la dieta anti-influenza

Per potenziare le difese immunitarie e combattere i malanni invernali è fondamentale l'alimentazione: tanti agrumi, kiwi, carboidrati e carni bianche  »

L’influenza in gravidanza può essere pericolosa?

L’influenza in gravidanza può essere pericolosa?

Una risposta immunitaria super: così si spiegherebbe perché l’influenza in gravidanza sia così diffusa, con sintomi intensi e alcuni rischi da considerare  »

Influenza: vaccino sì o no?

Influenza: vaccino sì o no?

Quest’anno l’influenza sarà meno aggressiva, ma non bisogna abbassare la guardia. Oltre al vaccino, sono comunque fondamentali alcuni comportamenti preventivi    »

Influenza: se ti sei vaccinata rischi meno il parto pretermine

Influenza: se ti sei vaccinata rischi meno il parto pretermine

Un recente studio dimostra che le donne che durante la gravidanza si vaccinano contro l’influenza hanno minori probabilità di avere un parto pretermine   »

Influenza nei bambini: no ai farmaci inutili

Influenza nei bambini: no ai farmaci inutili

Farmaci per l’influenza nei bambini? Solo se necessari. Fazzoletti per il naso, mani pulite e qualche giorno di riposo restano le armi migliori  »

Influenza: è necessaria la vaccinazione?

Influenza: è necessaria la vaccinazione?

L’influenza costringerà molti italiani a letto da Natale in poi. La prevenzione è importante? Chi si deve vaccinare? Il parere e i consigli di Fabrizio Pregliasco, specialista in igiene e medicina a Milano  »

L’influenza nei bambini: i sintomi e le cure

L’influenza nei bambini: i sintomi e le cure

L'influenza nei bambini si presenta con febbre e dolori diffusi, che però nel giro di una settimana spesso si risolvono da soli. I consigli per evitare complicazioni   »