Io… Jane

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/09/2012 Aggiornato il 21/09/2012

Autore: P. McDonnell Editore: Il Castoro Prezzo: 15,50 euro   Adora la natura e gli animali. E sogna di andare in Africa. Si chiama Jane. Come Jane Goodall, la grande antropologa e ambientalista che ha studiato e aiutato gli scimpanzé. Per tutti i bambini che sognano di cambiare il mondo. Ti potrebbe interessare anche:United Colors of BenettonPrénatalTrio Living SmartSonaglino Parlante Bruchetto CanterinoLa gatta

Io... Jane

Autore: P. McDonnell

Editore: Il Castoro

Prezzo: 15,50 euro

 

Adora la natura e gli animali. E sogna di andare in Africa. Si chiama Jane. Come Jane Goodall, la grande antropologa e ambientalista che ha studiato e aiutato gli scimpanzé. Per tutti i bambini che sognano di cambiare il mondo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti