Letto Montessori: tutti i modelli per la cameretta dei bambini

A cura di Pubblicato il 03/01/2024 Aggiornato il 19/06/2024

Per favorire l'indipendenza e l'autonomia dei bambini anche in camera da letto non c'è niente di meglio del letto Montessori. Scopriamo insieme quali sono i pro e i contro, come scegliere il migliore - da quello a casetta a quello a forma di tenda - e tanti consigli sui modelli più venduti.

Letto Montessori: tutti i modelli per la cameretta dei bambini

Il letto Montessori o montessoriano è uno degli elementi di arredo più richiesti dai genitori che si apprestano ad allestire la cameretta di un bambino. Ma di cosa si tratta precisamente e a cosa serve? Solitamente presenta una struttura piuttosto semplice – tanto che molti genitori decidono addirittura di crearlo fai da te – ed è a portata di bambino. La caratteristica fondamentale del letto Montessori è, infatti, quella di non avere barriere e di essere praticamente rasoterra, generalmente con un’altezza massima di 20/25 cm. Ciò fa sì che il bambino riesca a salire e a scendere da solo, in completa autonomia.

Chi decide di optare per il fai da te, posiziona il materasso direttamente sul pavimento circondandolo con dei cuscini e dei peluche. In commercio, tra le proposte delle grandi catene di arredamento, non mancano alternative pronte all’uso in linea con i principi montessoriani: dal letto Montessori IKEA al letto Montessori Maisons du Monde, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Il metodo Montessori stimola e favorisce l’autonomia e l’indipendenza dei più piccoli sin dai primi mesi di vita e in ogni circostanza, incluso il momento del sonno, ecco perchè un letto montessoriano può essere utile in tal senso.

Cerchiamo di fare chiarezza e di scoprire insieme tutto quello che c’è da sapere sul letto Montessori, tra vantaggi e svantaggi, informazioni sui modelli migliori e consigli su dove comprarlo anche online.

Letto Montessori: pro e contro

Ci sono pro e contro legati all’utilizzo del letto Montessori. Di certo, il bambino cresce più indipendente e sicuro di sé, potendo salire e scendere dal letto quando vuole senza l’aiuto di un adulto. Si sentirà libero di scegliere di riposare quando è stanco e di alzarsi da solo, sperimentando i propri ritmi di sonno/veglia e vivendo il momento del riposo come una nuova scoperta.

Tra i vantaggi c’è anche la sicurezza. Il bambino non rischia di cadere dal letto e di farsi male, considerata l’altezza ridotta. Chi ha l’abitudine di far addormentare il proprio figlio, inoltre, può farlo sedendosi comodamente al suo fianco non essendoci sbarre che creano impedimento. Avendo a disposizione un letto tutto per sé e pensato appositamente per le sue esigenze, il bambino percepisce la camera come il proprio angolo di casa personale. Pian piano trascorrerà più tempo in camera sua che in quella dei genitori.

Ci sono, ovviamente, anche degli svantaggi. La totale libertà di alzarsi potrebbe spingere il bambino a recarsi più volte in camera dei genitori durante la notte, specialmente durante i primi giorni e se ha paura del buio. Installare delle luci notturne può essere di aiuto.

Il materasso è praticamente a terra, quindi è altamente consigliato pulire per bene il pavimento ogni giorno per evitare che il bambino respiri polvere. In particolar modo quando si ha a che fare con bambini molto piccoli, le prese della corrente vanno coperte ed è bene non posizionare il lettino nelle immediate vicinanze di prese d’aria o radiatori.

Nonostante i pro superino nettamente i contro, ogni bambino e a sé e il letto Montessori non è sempre la scelta giusta. Sta ai genitori, tenendo conto delle abitudini del bambino, valutare la soluzione ideale.

Letto Montessori prima infanzia e primaria

Se vi state chiedendo quando iniziare ad usare il letto Montessori, sappiate che la risposta non è univoca. Come già sottolineato, ogni caso è a sé e ogni bambino è diverso dagli altri. Generalmente, però, si consiglia di introdurlo a partire dai 18 mesi. L’ideale, specialmente per i bimbi piccoli e per la prima infanzia, è puntare su un modello molto semplice e di dimensioni ridotte. Il letto Montessori Bingo di Maisons du Monde, per esempio, è un bestseller per questa fascia di età.

letto-montessori-maisons-du-monde-bingo

Maisons du Monde, Bingo Lettino Montessori. Prezzo: 219,90€ su maisonsdumonde.com

I bambini sopratutto nei loro primi anni vivono molti cambiamenti vicini tra loro, se volete evitare di sottoporre il vostro bimbo ad un cambio di letto troppo spesso, l’ideale potrebbe essere il letto Montessori IKEA SUNDVIK. in questo modello potrete decidere di eliminare una delle spendine quando il bambino sarà più grande.

IKEA, Sundvik lettino bianco. Prezzo: 179,00€ su Ikea.it

IKEA, Sundvik lettino bianco. Prezzo: 179,00€ su Ikea.it

Molto simile ma senza un lato chiuso, abbiamo il letto Montessoriano Ikea GULLIVER, anche questo adatto ad accompagnare il bambino avendo una spondina staccabile e la base regolabile. 

IKEA, Gulliver lettino bianco. Prezzo: 119,00€ su Ikea.it

IKEA, Gulliver lettino bianco. Prezzo: 119,00€ su Ikea.it

Con il passare del tempo, è possibile scegliere letti montessoriani più strutturati oppure un letto montessoriano evolutivo, in grado di accompagnare le fasi di crescita del bambino dai 2 fino ai 6/8 anni. Il letto Montessori Kura di IKEA, per esempio, è un letto a castello reversibile su diversi livelli che può essere capovolto quando il bimbo è più grande e in grado di salire le scale, così da ricavare nella zona bassa un’area giochi. Un’opzione di questo tipo è perfetta se si è alla ricerca di un letto Montessori per la primaria.

letto-montessori-ikea-kura

IKEA, Kura Letto Reversibile. Prezzo: 229,00€ su ikea.it

 

Se avete siete in attesa del secondo figlio e volete prepararvi in anticipo per quando condivideranno la camera, l’ideale potrebbe essere il letto Montessori doppio di IKEA.

utaker-letto-impilabile-pino__1101313_pe866582_s5

IKEA, Utaker letto impilabile. Prezzo: 199,00€ su Ikea.it

IKEA, Utaker letto impilabile. Prezzo: 199,00€ su Ikea.it

Un’altra opzione di letto Montessoriano IKEA interessante potrebbe essere il SNIGLAR, adatto per i bambini un po’ più grandi a cui la spondina non serve quasi più ma che la vogliono per una sicurezza personale, che rimane basso senza togliere la possibilità di tenere scatole di giocattoli o altro sotto di esso.

IKEA, Singlar letto con base a doghe. Prezzo: 69,95€ su Ikea.it

IKEA, Singlar letto con base a doghe. Prezzo: 69,95€ su Ikea.it

Sono davvero moltissimi i modelli di letti Montessori che si trovano nelle catene specializzate in arredamento e fai da te. Tante, per esempio, anche le proposte a tema letto Montessori Leroy Merlin

Letto Montessori Amazon: quale scegliere

Se si preferisce acquistare online, vi suggeriamo di dare un’occhiata ai tanti modelli di letto Montessori disponibili su Amazon. Si spazia dai più semplici, adatti ai bambini molto piccoli, a quelli più particolari.

Nella maggior parte dei casi si tratta di lettini realizzati in legno, declinati in colori neutri e tenui che favoriscono il rilassamento del bambino. Le tonalità naturali del legno vanno per la maggiore, affiancate dal bianco e dal grigio, colori genderless tra l’altro di grande tendenza.

A chi non ha molto spazio a disposizione e necessita di ottimizzare l’organizzazione di giocattoli e biancheria, consigliamo di scegliere un letto Montessori con cassetti estraibili o con contenitore. Sistemare lenzuola, piumini, vestitini e peluche diventerà molto più semplice e veloce.

Sono molto pratici, soprattutto se si hanno più bimbi, i letti montessoriani a castello. Questa tipologia di letto Montessori è in grado di accogliere tranquillamente un bambino molto piccolo, da far riposare sul lettino più basso, mentre la parte superiore del letto può essere occupata dal fratellino o dalla sorellina maggiore.

Tra i modelli più richiesti e originali si distingue il letto Montessori casetta. La struttura ricorda in tutto e per tutto una piccola casa stilizzata.

Le linee sono semplici e minimal, in perfetto stile montessoriano. Anche in questo caso il materiale da preferire è il legno, nelle sue tonalità naturali oppure dipinto di bianco o di grigio.

Il letto Montessori a casetta farà sentire il piccolo a suo agio, protetto e al sicuro. La particolare forma del lettino lo divertirà, trasformando il momento del riposo in un gioco.

Sono particolari e piacciono tanto ai bambini anche i letti Montessori a tenda. L’ispirazione arriva dalle tende Teepee degli indiani d’America e la forma li rende originali e divertenti oltre che belli da vedere. 

Perfetto per una camera in stile boho-chic, il letto montessoriano a tenda farà la felicità dei più piccoli e generalmente è anche piuttosto semplice da montare e smontare.

I modelli più strutturati sono dotati di cassetto contenitore o di un secondo letto estraibile, utile per consentire ai genitori di riposare con il proprio bimbo o per ospitare eventuali amichetti.

*** In questo articolo sono presenti link di affiliazione: se acquisti o ordini un prodotto tramite questi link, riceveremo una commissione. Offerte e prezzi dei prodotti potrebbero subire variazione in base alla disponibilità, anche dopo la pubblicazione degli articoli***

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti