Nutriamo i nostri bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/11/2012 Aggiornato il 19/11/2012

Autori: Patricia Semeraro, Piercarlo Salari Editore: Editeam Il bambino si nutre di cibo e amore. Due “ingredienti” complementari ma ben distinti. Se il primo non deve diventare una gratificazione affettiva, l’amore deve esprimersi anche in una corretta alimentazione. Info: www.editeam.it Ti potrebbe interessare anche:PrimigiMini cucitoPinocchio - Canzoni con il naso lungoBambini in festa!S.O.S. Tata

Nutriamo i nostri bambini

Autori: Patricia Semeraro, Piercarlo Salari

Editore: Editeam

Il bambino si nutre di cibo e amore. Due “ingredienti” complementari ma ben distinti. Se il primo non deve diventare una gratificazione affettiva, l’amore deve esprimersi anche in una corretta alimentazione. Info: www.editeam.it

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale in sesta settimana: proseguirà la mia gravidanza?

23/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le perdite ematiche non si presentano e non compaiono dolori a livello pelvico, ci sono ottime probabilità che la gravidanza proceda per il meglio, anche nel caso in cui l'ecografia abbia evidenziato un mancato accollamento.   »

Piccolo distacco di placenta: si deve stare a letto?

22/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto comporta una stasi nel circolo venoso che a sua volta può mettere a rischio di sviluppare persino dei trombi, per esempio agli arti inferiori. Riguardate dunque sì in caso di "distacco", ma allettate no.   »

All’asilo c’è un bimbo aggressivo: che fare?

14/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una volta che si è sicuri che le maestre vigilano attentamente sull'incolumità dei piccoli, per proteggerli da un coetaneo disturbatore, è consigliabile lasciare che il proprio bambino trovi il modo per affrontare da solo la situazione difficile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti