Nutriamo i nostri bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/11/2012 Aggiornato il 19/11/2012

Autori: Patricia Semeraro, Piercarlo Salari Editore: Editeam Il bambino si nutre di cibo e amore. Due “ingredienti” complementari ma ben distinti. Se il primo non deve diventare una gratificazione affettiva, l’amore deve esprimersi anche in una corretta alimentazione. Info: www.editeam.it Ti potrebbe interessare anche:S.O.S. TataNaturinoFalcotto by NaturinoMinibandaPrimigiMini cucito

Nutriamo i nostri bambini

Autori: Patricia Semeraro, Piercarlo Salari

Editore: Editeam

Il bambino si nutre di cibo e amore. Due “ingredienti” complementari ma ben distinti. Se il primo non deve diventare una gratificazione affettiva, l’amore deve esprimersi anche in una corretta alimentazione. Info: www.editeam.it

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti