Sacco nanna: quale scegliere?

Maria Teresa Moschillo A cura di Maria Teresa Moschillo Pubblicato il 22/02/2024 Aggiornato il 22/02/2024

Il sacco nanna tiene al caldo il neonato favorendone il riposo e può essere usato anche dai bambini più grandi. Scopriamo insieme come sceglierlo in base alla stagione, quindi invernale o estivo, e quali sono i modelli migliori da comprare online.

Sacco nanna: quale scegliere?

Il sacco nanna tiene al caldo e ben coperti i bambini quando dormono ed è una valida alternativa a coperte e lenzuola che, specialmente se i piccoli si muovono molto nel sonno, tendono ad aggrovigliarsi, a coprire loro il viso o a scoprire i piedini rischiando di compromettere il riposo. 

Oltre ad assolvere questa funzione pratica, il sacco nanna svolge anche funzione di contenimento ricordando al neonato la sensazione di calore accogliente sperimentata nell’utero della mamma. Questo accessorio favorisce la termoregolazione e, inoltre, torna utilissimo come elemento di associazione al sonno: quando viene adoperato il sacco nanna, il bambino capisce che è arrivato il momento di dormire.

Il sacco nanna classico è quello senza maniche, ma esistono anche modelli con maniche e addirittura con piedini separati (da usare per i bimbi più grandi che hanno iniziato a camminare). Un altro elemento che fa la differenza è la chiusura, con zip o con bottoni a pressione sulle spalle.

Non tutti i sacchi per la nanna sono uguali. Bisogna tenere conto della fase di crescita in cui si trova il bambino, così da individuare la misura corretta, e anche della stagione: il sacco nanna invernale, ovviamente, è più caldo e pesante di quello estivo.

Di seguito, alcuni suggerimenti su come scegliere il sacco nanna per i bambini, spaziando tra le proposte delle migliori marche da comprare online.

Sacco nanna invernale

La scelta del sacco nanna è vincolata alla stagione e al clima del luogo in cui si vive. È importante che il sacco nanna mantenga costante la temperatura corporea del bambino: il piccolo non deve avere freddo, ma neppure surriscaldarsi.

sacco-nanna-invernale-mosebears

Mosebears, Sacco Nanna Foderato. Prezzo: 29,99 

Il sacco nanna va sempre scelto in base al TOG (Thermal Overall Grade o grado di resistenza termica). Questo speciale indice determina la capacità di termoisolamento e ci aiuta a capire lo spessore del sacco nanna. Non esistono regole fisse, perché la scala in TOG varia da marca a marca, ma è possibile orientarsi con dei valori medi di riferimento.

 

sacco-nanna-invernale-mikafen

Mikafen, Sacco Nanna Manica Lunga Invernale 3,5 TOG. Prezzo: 30,99

Il sacco nanna invernale, caldo e adatto anche all’esterno, ha uno spessore che parte da un TOG di 2-2,5. Alcuni brand propongono anche sacchi nanna con TOG di 3 o 3,5, consigliati se si vive in un posto molto freddo.

 

sacco-nanna-invernale-lat-lee-town

 

Lat Lee and Town, Sacco Nanna con Maniche Staccabili 2,5 TOG. Prezzo: 29,99 

I materiali da preferire per l’inverno sono velluto e pile, ma sono adatti anche i sacchi nanna in caldo cotone purché il TOG sia abbastanza elevato.

sacco-nanna-invernale--looxi

Looxii, Sacco Nanna Invernale 3,0 TOG. Prezzo: 22,99

L’importante, a prescindere dal TOG, è che il sacco nanna sia caldo e altamente traspirante. Sono ottime, per esempio, le composizioni miste bamboo e cotone di Bamboom.

sacco-nanna-bamboon2

Bamboom, Sacco Nanna Neonato Mini con Braccia e Piedini 2,2 TOG. Prezzo: 76,88

In inverno, per evitare che il bambino abbia troppo caldo, è preferibile far indossare al di sotto del sacco un body a maniche corte e un pigiamino oppure un body a maniche lunghe.

I modelli con le maniche sono perfetti per il periodo invernale, ma se si desidera acquistare un sacco nanna versatile da poter sfruttare anche nel resto dell’anno l’ideale è puntare su un modello con maniche staccabili.

sacco-nanna-coconette

Coconette, Sacco Nanna Neonato 4 Stagioni 3,5 TOG. Prezzo: 35,99

Sacco nanna neonato: quando iniziare a utilizzarlo?

Molte mamme iniziano a usare il sacco nanna per il neonato sin da subito, ma in realtà non dovrebbe mai essere utilizzato dalla nascita. L’uso del sacco nanna è consigliato a partire dai 4,5 kg di peso e per i primi 12 mesi di vita del bambino, anche se esistono sacchi nanna pensati per i bimbi più grandi (fino ai 3 anni) dotati di piedini per consentire loro di muoversi liberamente.

 

sacco-nanna-neonato-mosebears

Mosebears, Sacco Nanna Neonati. Prezzo: 25,99

Fatte queste precisazioni, è bene tenere presente che la scelta della misura giusta è imprescindibile per il corretto funzionamento del sacco. Una misura troppo grande fa sì che il bimbo scivoli verso il basso rischiando addirittura di soffocare. Al contrario, una taglia troppo piccola gli impedirà di stare comodo. 

sacco-nanna-neonato-tommee-tippee

Tommee Tippee, Sacco Nanna Neonati. Prezzo: 32,15 

Se il bambino non ha ancora raggiunto i 4,5 kg di peso è possibile utilizzare uno strumento alternativo in grado di assicurargli una sensazione di contenimento e protezione molto simile a quella del sacco nanna.

 

sacco-nanna-swaddle-keababies

KeaBabies, Sacchi per il Sonno Neonati Organici 3 pack. Prezzo: 28,96

Si tratta dello swaddle, solitamente disponibile nelle taglie 0-3 o 4-6 mesi. Si presenta come una copertina da arrotolare intorno al bambino, per mantenerlo al caldo e proteggerlo facendolo sentire coccolato come nel ventre materno.

 

sacco-nanna-swaddle-lili-ben

Lili and Ben, Baby Swaddle Coperta Avvolgente Neonato. Prezzo: 24,99

Lo swaddle dispone di cinghie a strappo con velcro, quindi è facile da utilizzare per le neomamme alle primissime armi. Online sono disponibili anche pack multipli molto convenienti, con in dotazione i cappellini abbinati.

sacco-nanna-swaddle-wugu 

WuGu, Coperta Neonato Swaddle 3 pezzi. Prezzo: 15,99

Swaddle e sacco nanna devono accompagnare il bambino nella crescita e adattarsi ai suoi bisogni. Quando il piccolo inizia a sentirsi oppresso dal sacco, è arrivato il momento di passare a lenzuola e piumone. Sta ai genitori capirlo e assecondare le sue esigenze.

Sacco nanna estivo

Il sacco nanna può essere utilizzato anche nella stagione calda, purché si scelga un modello estivo. Anche in questo caso, come per il sacco nanna invernale, bisogna fare riferimento al TOG. I sacchi nanna con TOG che oscilla tra 0 e 1 sono i più leggeri, ma se si ha intenzione di acquistare un solo sacco nanna adattabile a diversi momenti dell’anno e situazioni è preferibile puntare sui modelli con TOG pari a 1,5.

 

sacco-nanna-chicco

Chicco, Sacco Nanna Senza Maniche Next. Prezzo: 15,90 

Per quanto riguarda i materiali, i sacchi nanna in cotone vanno benissimo per l’estate e per le mezze stagioni. Tanti i brand a includere nelle loro collezioni sacchi nanna 100% cotone, tra cui Chicco e Prénatal.

sacco-nanna-estivo-molis-co

Molis&Co., Sacco Nanna con Piedini 0,5 TOG. Prezzo: 27,95

Sono freschi e traspiranti anche i sacchi nanna in poliestere. Pur trattandosi di un tessuto sintetico, il poliestere è morbido e asseconda i movimenti avvolgendo il corpo del bimbo senza costringerlo. 

sacco-nanna-estivo-sleeping-rebels

Sleeping Rebels, Sacco Nanna Estivo in Mussola. Prezzo: 26,93

In estate non è necessario abbondare con gli strati. Se si adopera il sacco nanna, un body a maniche corte è più che sufficiente.

sacco-nanna-sweetyfox

Sweety Fox, Sacco Nanna Estivo 1 TOG. Prezzo: 21,99

Soprattutto quando fa molto caldo e i bambini tendono a essere insofferenti durante il cambio e appena svegli, i modelli con zip anteriore sono i più pratici.

sacco-nanna-yoofoss

Yoofoss, Set di 2 Sacco Nanna 0,5 TOG. Prezzo: 27,99

 

In copertina foto di Chris Black via Pexels.com

 

 

*** In questo articolo sono presenti link di affiliazione: se acquisti o ordini un prodotto tramite questi link, riceveremo una commissione. Offerte e prezzi dei prodotti potrebbero subire variazione in base alla disponibilità, anche dopo la pubblicazione degli articoli***

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti