Dottor Aldo Venuti

Il Dr. Aldo Venuti è il coordinatore della Unità HPV dell’IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Regina Elena di Roma.

Aldo Venuti

Il Dottor Aldo Venuti è nato a Frosinone 65 anni fa e da 50 vive a Roma. E’ sposato, ha una figlia (regolarmente vaccinata contro l’HPV). E’ entrato in un laboratorio di Virologia nel 1974 quando era studente di medicina e praticamente non è più uscito studiando sempre i virus, negli ultimi 35 anni in particolare i papillomavirus (HPV). E’ laureato in medicina e chirurgia, ha la specializzazione in patologia clinica ed il Dottorato di ricerca in Virologia. Ha trascorso periodi di studio e lavoro all’estero negli Stati Uniti, in Scozia ed Australia. Attualmente è il coordinatore della Unità HPV dell’IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Regina Elena di Roma. Quando il Dr. Venuti non è in Laboratorio lo potete vedere in giro su una motocicletta… praticamente è salito su una moto a 14 anni (anche prima ma non si può dire…) e non è più sceso fino ad oggi.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti