Roberta Camisasca

Ho studiato lingue e letterature straniere, ma scrivo da sempre.

camisasca robertaOggi scrivo per testate nazionali nell’ambito salute, benessere, bellezza. Invento storie, cerco notizie, approfondisco ciò che mi incuriosisce. Sono creativa e affascinata dalle nuove sfide. Perché, come diceva Nadine Gordimer, “Lo scrittore professionista è un dilettante che non ha mai smesso di scrivere”. 

Articoli di Roberta Camisasca
Creatività dei bimbi: no a troppi giochi

Creatività dei bimbi: no a troppi giochi

A furia di dare tutto e dire sempre di sì, i genitori limitano la creatività dei bambini, sopraffatti da giocattoli e stimoli sempre nuovi  »

Allattamento a pagamento: fa discutere l’esperimento inglese

Allattamento a pagamento: fa discutere l’esperimento inglese

Dimostrato in Gran Bretagna che l’incentivo economico funziona. Ma sarà utile? E, soprattutto, è moralmente accettabile l’allattamento a pagamento?  »

Malattie croniche intestinali: gravidanza possibile

Malattie croniche intestinali: gravidanza possibile

Le malattie croniche intestinali interferiscono con la gravidanza, ma non per questo bisogna rinunciare al sogno di diventare mamma: ecco come fare   »

Fecondazione assistita o adozione: ancora troppe difficoltà

Fecondazione assistita o adozione: ancora troppe difficoltà

La strada è in salita per chi vuole un bambino attraverso la fecondazione assistita o adozione: le coppie sono sole fra burocrazia e infinite liste d’attesa   »

Dividere una pastiglia a metà è pericoloso

Dividere una pastiglia a metà è pericoloso

Molti genitori triturano o spezzettano le compresse da dare ai bambini per renderle più appetibili, ma dividere una pastiglia è rischioso per la salute. Ecco perché  »

Pipì a letto per un bambino su 5: cause e rimedi

Pipì a letto per un bambino su 5: cause e rimedi

L’enuresi notturna, ossia la pipì a letto, se non trattata per tempo, può causare problemi allo sviluppo del bambino. Ecco come intervenire   »

Contro il parto prematuro funziona il test del collo dell’utero

Contro il parto prematuro funziona il test del collo dell’utero

Un semplice esame, sicuro e indolore, potrebbe ridurre il rischio di parto prematuro. Ecco perché andrebbe esteso a tutte le donne   »

Parti pretermine in calo, ma i rischi restano

Parti pretermine in calo, ma i rischi restano

Le statistiche rivelano che il numero dei parti pretermine è in diminuzione, ma l’allarme sulle complicanze resta invariato. Importante arrivare al termine  »

Infezioni in gravidanza: bebè a rischio epilessia

Infezioni in gravidanza: bebè a rischio epilessia

Ecco come alcune infezioni in gravidanza possono alterare lo sviluppo del cervello del nascituro, aumentando il rischio di malattie neurologiche  »

Urine del bebè: quando preoccuparsi?

Urine del bebè: quando preoccuparsi?

Quantità, colore delle urine del bebè, ma anche frequenza, bruciore e fastidio possono indicare la necessità di accertamenti   »

Pagina 33 di 35
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Matrimonio tra cugini: quali rischi?

09/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Porta

Quando due partner sono consanguinei hanno maggiori probabilità, rispetto alla popolazione generale, di avere figli malati.   »

Dosaggio delle beta-hCG ripetuto più volte

07/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Tra le donne incinte si è diffusa la consuetudine (errata) di sottoporsi al prelievo di sangue per il dosaggio dell'ormone gonadotropina corionica umana più volte a partire dalle prime settimane di gravidanza. Si tratta di una scelta inopportuna, salvo casi particolari.  »

Bronchite asmatica e (presunta) allergia agli antibiotici

07/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Non si comprende l'opportunità di somministrare l'antibiotico nel corso di una bronchite asmatica, in quanto generalmente la causa è virale. E l'eventuale orticaria concomitante dipende sempre dall'infezione virale e non dal farmaco assunto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti