Sviluppo motorio e psichico del bimbo – 18-24 mesi

Sembra un moto perpetuo: instancabile e inesauribile! Ha imparato a camminare e a correre e ormai non lo ferma più nessuno. Spinto dal suo innato istinto di esplorazione, acquisisce ogni giorno nozioni nuove

Corre in maniera più disinvolta

A 18 mesi di vita il bambino cammina ormai con sicurezza e, superata questa soglia, inizia anche a correre (se non l’ha già fatto prima): all’inizio la corsa è ancora un po’ incerta e barcollante, basta un nonnulla per far tentennare o cadere il piccolo, ma con il passare del tempo affina sempre più le sue capacità. Verso i 24 mesi ormai è capace di correre bene, senza perdere l’equilibrio né cadere.

Sa camminare all’indietro

Il bambino di un anno e mezzo riesce non solo a camminare con sicurezza, ma anche a fare piccoli passi barcollanti all’indietro. Inoltre sa chinarsi per raccogliere un oggetto o un giocattolo sul pavimento e rialzarsi senza nessuna difficoltà. A questa età è anche capace di trainare dei giocattoli e di spingere un oggetto sul pavimento.

Sale e scende le scale

In questa fascia di età impara anche ad affrontare le scale da solo: riesce a salirle, reggendosi con la mano alla ringhiera, ma comunque senza l’aiuto di nessuno, ed è in grado anche di scenderle, anche se in questo caso deve essere tenuto per mano da un adulto, come la mamma o il papà.

Inizia a calciare la palla

Anche se in maniera impacciata, il piccolo comincia a calciare la palla: a volte può cadere o sbagliare mira, ma comincia a prendere gradualmente confidenza con questi movimenti. Il piccolo, in genere, è molto attirato dalla palla, soprattutto se è colorata. Ama farla rotolare e lanciarla in aria (anche se può avere qualche difficoltà a compiere questi movimenti).

Vuole esplorare tutto

L’interesse per l’esplorazione diventa molto forte: i bambini toccano tutto, vogliono prendere e maneggiare ogni oggetto dell’ambiente che li circonda e iniziano ad arrampicarsi sui mobili. Questa attività esplorativa è fondamentale per lo sviluppo: per quanto possibile, deve essere incoraggiata e mai inibita. È giunta l’ora (se non lo si è già fatto prima) di organizzare la casa, eliminando tutti gli oggetti fragili o potenzialmente pericolosi che si trovano ad “altezza bimbo”. Quando ciò non è possibile, bisogna cercare di convogliare l’attenzione del bambino verso ciò che può maneggiare senza rischi (come un cuscino o un giocattolo).

Ripete sempre gli stessi giochi

Tra i 18 e i 20 mesi il bambino ha la tendenza a ripetere moltissime volte gli stessi giochi (come il lancio degli oggetti) e a richiedere che gli vengano raccontate le stesse favole: anche se può risultare noioso per i genitori, è importante assecondare questo suo bisogno, perché costituisce un momento fondamentale del suo sviluppo. Per il piccolo, infatti, la ripetizione continua rappresenta una sicurezza e una conferma di ciò che sta imparando. Inoltre gli regala un senso di piacere, legato al fatto di rivivere situazioni già a lui ben note.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti