Antibiotici ai bambini: nei primi anni di vita aumentano rischio obesità

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/10/2014 Aggiornato il 22/10/2014

Distruggono la microflora intestinale e causano cambiamenti permanenti durante la formazione del metabolismo dei bambini

Antibiotici ai bambini: nei primi anni di vita aumentano rischio obesità

Bambini piccoli e antibiotici: il binomio può portare a conseguenze permanenti e deleterie per il corretto sviluppo. Lo dice una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Cell, condotta dalla NYU Langone Medical Center di New York e coordinata da Martin Blaser. Secondo quanto hanno sperimentato gli scienziati, infatti, gli antibiotici, se somministrati precocemente ai bambini, posso aumentare il rischio di sovrappeso e di obesità perché modificano in maniera irreversibile il metabolismo.

Lo studio in laboratorio

A questo risultato sono arrivati studiando i topi cui hanno dato antibiotici, da una parte, e dall’altra studiando l’effetto di queti farmaci sul cosiddetto microbiota umano. Si tratta, cioè, dell’insieme di batteri e microrganismi presenti nel corpo umano. I microbi cominciano a colonizzare l’intestino dalla nascita, e la distruzione del microbiota durante la sua maturazione e crescita, a causa dell’assunzione di basse dosi di antibiotico, può alterare il metabolismo e il rischio di malattie associate all’obesità, come il diabete. È, quindi, proprio nei primi anni di vita che si stabilisce quell’equilibrio della flora batterica intestinale importantissimo per il corretto accrescimento e la salute.

Che cosa si è scoperto

I ricercatori hanno visto che, somministrando ai topi fin dalla nascita basse dosi di penicillina, si provocano delle alterazioni del metabolismo e dei geni collegati alla risposta immunitaria. L’equilibrio del microbiota viene turbato e si scatenano effetti sul metabolismo nel lungo periodo. Infatti, dosi anche basse di antibiotico potenziano gli effetti dell’obesità causata da un dieta ricca di grassi. Del resto, era emerso da diversi studi epidemiologici che doveva esserci un qualche legame tra aumento del sovrappeso nei bambini ed esposizione precoce agli antibiotici.

Stabilito un legame

I risultati che gli scienziati hanno ottenuto dai topi hanno, quindi, dimostrato questa correlazione. I ricercatori hanno anche affrontato l’esistenza di possibili sinergie tra gli effetti dell’esposizione agli antibiotici e quelli dietetici e se le alterazioni del microbiota siano sufficienti per determinare un impatto sulla formazione del metabolismo. Hanno verificato che i topi trattati con penicillina e con una dieta ricca di grassi hanno sviluppato una maggior parte di massa grassa rispetto agli animali che, con lo stesso tipo di dieta, non hanno assunto antibiotici.

Che cosa fare

La possibile soluzione è il reintegro di quella flora batterica utile che gli antibiotici eliminano, magari assumendo probiotici benefici in grado di ripristinare l’equilibrio nell’organismo. “I nostri risultati implicano che il ripristino di batteri buoni potrebbe prevenire gli effetti metabolici di lunga durata di esposizione precoce agli antibiotici” ha dichiarato il co-autore dello studio Laura M. Cox.

In breve

OBESITA’ E DIABETE: ATTENZIONE AI FARMACI

Somministrare basse dosi di antibiotici ai bambini in tenera età può portare a favorire l’obesità e l’insorgere di patologie correlate come il diabete.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

PMA: i bimbi sono meno affettuosi degli altri?
07/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Non c'è alcuna differenza nello sviluppo psicofisico tra i bambini nati da procreazione medicalmente assistita e gli altri.   »

Bimbo che si ribella alle prime pappe
23/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Meglio non forzare i tempi, se il bambino non accetta di buon grado l'introduzione dei primi alimenti diversi dal latte, ma attendere che sia pronto per la novità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti