Antibiotici & bambini: allarme obesità!

Un eccessivo utilizzo degli antibiotici nella prima infanzia potrebbe esporre i bambini a un rischio maggiore di obesità. Ecco perché

Si è discusso a lungo in merito all’abuso di antibiotici in età pediatrica. Spesso, infatti, trionfa il “fai da te” o comunque si assiste a una certa superficialità nel prescrivere antibiotici ai bambini, anche se non si è certi si tratti di infezione. Nuovi studi dimostrano, tra i vari risvolti negativi di questa prassi, anche la predisposizione all’obesità.

Più pericoli nei primi due anni

La correlazione tra maggior rischio di obesità e assunzione di antibiotici da bambini è dimostrata da uno studio recente statunitense. Nello specifico, sembrerebbero a rischio quei bambini che, sotto i due anni di età, abbiano già affrontato tre cicli di terapia antibiotica. Che, a ben vedere, non sono sicuramente pochi.

Incidono sul peso

Gli antibiotici sono farmaci strettamente correlati all’aumento di peso. Basti pensare a come sono stati impiegati nella storia per favorire l’aumento di peso nel bestiame. Lo stesso meccanismo, però, si innesca con l’organismo dell’essere umano, soprattutto se in fase di crescita.

La conferma dello studio

A fare da campione a questo interessante e attuale studio, sono stati ben 21.714 bambini inglesi, monitorati dai primi mesi di vita sino a circa i 5 anni di età. I risultati sono stati eclatanti: correvano un rischio maggiore di obesità quei bimbi che erano stati sottoposti con frequenza a terapie antibiotiche entro i due anni di età. Il meccanismo indiziato è un mutamento che l’antibiotico causerebbe nel microbioma intestinale e che favorirebbe, dunque, l’insorgere dell’obesità.

 

 

 

 
 
 

In breve

ANCHE ANTIBIOTICO-RESISTENZA

L’abuso di antibiotici, molto frequente in Italia, porta con sé numerosi rischi. Anche gravi come l’antibiotico-resistenza, pericolosa per l’intera comunità.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti