Asili nido: il 50% ha aumentato le rette

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 29/01/2021 Aggiornato il 29/01/2021

Secondo un’indagine di Altroconsumo, dopo il lockdown, metà degli asili nido ha aumentato le rette, in media del 6% rispetto al 2019

Asili nido: il 50% ha aumentato le rette

La pandemia di Covid-19 non sta avendo ripercussioni solo sulla salute degli italiani e l’organizzazione del Servizio sanitario nazionale. Purtroppo, sta avendo un forte impatto anche a livello economico. Molte attività e imprese stanno arrancando e fra queste ci sono anche gli asili nido. Il risultato? La metà degli asili nido privati ha aumentato le rette. È risultato da un’indagine condotta dall’associazione dei consumatori Altroconsumo.

L’indagine su 214 strutture

L’inchiesta ha riguardato complessivamente 214 asili nido privati sparsi in tutta Italia. Più precisamente 151 a Milano, 9 a Bari, 17 a Reggio Calabria, 30 a Padova, 7 a Pescara. Solo 145 strutture hanno accettato di rispondere alle domande di Altroconsumo: le altre non hanno dato la disponibilità. L’associazione ha indagato innanzitutto sulle difficoltà sperimentate dagli asili nido in seguito allo scoppio della pandemia di Covid-19 e al lockdown. Quindi, ha chiesto ai responsabili quali modifiche avessero apportato alla struttura per adeguarla alle norme imposte dal Governo e quali soluzioni avessero adottato per far fronte ai vari problemi. Infine, hanno domandato se tutto questo abbia comportato un aumento delle rette.

Le spese sono aumentate

Ebbene, dalle risposte raccolte è emerso che gli asili nido hanno dovuto attrezzarsi in vari modi per la riapertura in sicurezza. Per esempio, molti hanno dovuto sistemare gli spazi, alcuni hanno dovuto ridurre il numero di bambini accolti, c’è chi è stato costretto a licenziare o a mettere in cassa integrazione i dipendenti, chi ha dovuto assumere nuovo personale, chi è rimasto senza stipendio. Per far fronte a tutte queste modifiche, la metà degli asili nido è stata costretta ad aumentare le rette. In media, l’incremento è stato del 6%, pari a 36 euro in più al mese rispetto all’anno precedente. Di contro, però, ci sono stati anche asili che hanno abbassato le rette: il 7% del totale. Il 43%, invece, ha mantenuto per le famiglie gli stessi costi del 2019.

18 euro in più al mese

Considerando tutte le strutture coinvolte dall’indagine, dunque, l’aumento medio è stato del 3%, che equivale a circa 18 euro al mese: dai 16 euro ai 21 euro in base alla fascia di frequenza. Per esempio, se nel 2019 una famiglia che mandava il figlio al nido fra le quattro e le sei ore al giorno spendeva 541 euro, ora ne spende 557. Per le fasce da sei a otto ore e per quelle oltre le otto ore le tariffe sono passate, rispettivamente, da 587 euro a 608 euro e da 680 euro a 696.

Milano è la città con gli asili più cari

La città con l’aumento più rilevante è stata Bari, con 45 euro in più al mese (pari al 12% rispetto allo scorso anno). Reggio Calabria, invece, è la città con l’aggravio più contenuto, di 9 euro. Tuttavia, la città in cui gli asili nido costano di più rimane Milano.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Purtroppo, molte famiglie italiane non hanno alternative e sono costrette a mandare i figli piccoli agli asili nido privato. In realtà, anche chi un’alternativa ce l’ha spesso sceglie comunque gli asili, per i vantaggi che offrono.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti