Asilo nido? Fa bene e migliora il comportamento

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 30/09/2015 Aggiornato il 30/09/2015

Arrivano rassicurazioni per le mamme che lavorano: uno studio americano dimostra che i bimbi che frequentano l’asilo nido sono meno aggressivi e più socievoli

Asilo nido? Fa bene e migliora il comportamento

Le scuole sono da poco iniziate e così anche gli asili, con i vari inserimenti. Gli interrogativi posti dalle mamme al rientro delle vacanze passate 24 ore su 24 in famiglia sono: “Come reagirà il primo giorno?”.  E poi: “Sentirà troppo la mia mancanza?”.

Primo distacco dalla mamma

Il distacco non è facile per i piccoli che, insieme ad altri bimbi, non si ritrovano più al centro dell’attenzione come a casa. E la cosa potrebbe non piacergli, volendo stare più tempo possibile a contatto con la propria madre. Ed ecco che i sensi di colpa e le preoccupazioni assillano i genitori costretti a dividersi tra casa e lavoro. Ma arriva per loro una notizia un po’ rassicurante.

I bimbi si abituano alle regole sociali

Al bando i sensi di colpa. Mandarli all’asilo nido si rivela utile anche per i bambini: queste strutture migliorano il comportamento dei bambini. A confermarlo sono i risultati di uno studio del Boston College del Massachusetts. Secondo gli studiosi americani, per i piccoli trascorrere del tempo al nido è positivo perché diminuisce la loro aggressività. Al vaglio dei ricercatori le risposte di 939 genitori norvegesi alle domande sul tempo da loro dedicato alla cura dei propri figli in diverse fasce d’età. Dai dati raccolti, resi noti sulla rivista Psychological science, viene fuori che i bimbi che hanno trascorso le loro giornate all’asilo nido non sono più aggressivi di quelli che possono godere in toto del tempo dei genitori, anzi, è proprio vero il contrario. Hanno un comportamento migliore. E parlano prima.

Il luogo del divertimento tra pari

Il nido rappresenta, infatti, per il bambino non solo la prima fase di distacco dall’esclusività del tempo dedicato a lui dalla mamma, ma anche il primo luogo di socialità entro il quale impara a condividere con gli altri gli spazi ed a seguire delle regole comuni di comportamento, nonché quello dei giochi e del divertimento tra pari. Perciò, un invito alle mamme a essere più serene e a cercare di non vivere con eccessiva ansia la scelta di mandare i bambini all’asilo nido. Anche se alla base vi è “un’esigenza” quasi sempre lavorativa, anche il bimbo ne beneficerà.

 

 

 
 
 

In breve

 

COSÌ LO SI VIVE MEGLIO

È bene non farsi sopraffare dai sensi di colpa e sforzarsi di essere e apparire serene. Quando si va a riprendere i bambini, è indispensabile dedicare loro del tempo ad apprezzare i giochi e le attività della giornata fatta all’asilo. È utile poi cercare di essere presenti alle attività organizzate dalla scuola che prevedono la presenza dei genitori, come recite e feste a tema.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti