Autismo, la diagnosi precoce migliora la sfera sociale dei bambini

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 01/02/2022 Aggiornato il 01/02/2022

Diagnosticare l’autismo entro i due anni e mezzo di vita può davvero essere decisivo per migliorare notevolmente i sintomi della sfera sociale

Autismo, la diagnosi precoce migliora la sfera sociale dei bambini

Scoprire l’autismo in età precoce e intervenire con tempestività prima che i bambini abbiano compiuto due anni e mezzo può fare una grande differenza. Secondo uno studio condotto dagli esperti dell’Università israeliana Ben Gurion  del Negev e pubblicato sulla rivista Autism, infatti, una diagnosi neonatale accresce di tre volte le possibilità che il piccolo paziente veda migliorare i sintomi relativi alla sfera sociale.

I bambini seguiti per due anni

Lo studio ha preso in esame lo sviluppo dell’autismo in 131 piccoli pazienti, tenendoli sotto osservazione per uno-due anni. La coorte comprendeva bambini cui era stato diagnosticato il disturbo tra il primo e il quinto anno di vita. I risultati hanno evidenziato come i piccoli cui l’autismo era stato diagnosticato prima dei due anni e mezzo presentassero significativi miglioramenti nella sfera sociale. In particolare, i dati parlano di una probabilità di raggiungere risultati positivi tre volte più alti rispetto al resto del campione.

Lavorare sul cervello

Come sottolineato da Ilan Dinstein, tra le prime firme dello studio, il miglioramento della sfera sociale sarebbe agevolato dalla maggiore “plasticità” del cervello e alla “flessibilità” comportamentale tipica dei primi anni di vita. Una diagnosi precoce e trattamenti specifici condotti in contesti comunitari sono fondamentali per veder migliorare le condizioni dei pazienti affetti da autismo.

Cambiamento necessario

Riconoscere i primi segnali dell’autismo non è semplicissimo, ecco perché genitori e medici devono essere supportati dall’istituzione di prassi che aiutino a diagnosticare il problema il prima possibile. A oggi, la diagnosi sull’autismo viene fatta intorno ai quattro anni.  I risultati dello studio, però, palesano come sia importante rendere obbligatorio lo screening prima dei due anni e mezzo, per intervenire con tempestività.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Lo studio non ha evidenziato differenze significative ponendo a variabile dell’analisi l’età, il sesso o il livello di istruzione dei genitori alla nascita dei piccoli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Beta-hCG ancora nel sangue dopo un’interruzione di gravidanza: perché?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Dopo un aborto, è normale che l'ormone beta-hCG rimanga nel sangue per alcune settimane, ma se il periodo si protrae oltre i 42 giorni circa è possibile che si sia instaurata un'altra gravidanza.   »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti