Autismo, con l’intelligenza artificiale la diagnosi arriva prima

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/04/2017 Aggiornato il 27/04/2017

Accurata nell’81% dei casi, questa tecnica di diagnosi è precoce rispetto alle attuali indagini diagnostiche di autismo che vengono effettuate tra i 2 e i 3 anni. In che cosa consiste

Autismo, con l’intelligenza artificiale la diagnosi arriva prima

Prevedere prima del compimento dei due anni di età se un bambino soffrirà in futuro di autismo: un gruppo di ricercatori dell’Università della Carolina del Nord (Stati Uniti) ha messo a punto un avanzato software di intelligenza artificiale in grado di prevedere se i piccoli soffriranno di autismo attraverso scansioni cerebrali effettuate a partire dai sei mesi e fino ai due anni di età su bambini a rischio. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature.

Buona accuratezza

Questo innovativo metodo di diagnosi è accurato nell’81% dei casi – contro un 50% garantito dai tradizionali test comportamentali – e risulta essere precoce rispetto alle attuali indagini diagnostiche di autismo, che a oggi vengono effettuate tra i due e i tre anni di età. Come spiega Joseph Piven, uno degli autori della ricerca, “il nostro approccio può aiutare a prevedere nel corso del primo anno di vita quali bambini a rischio potranno probabilmente ricevere una diagnosi di autismo una volta raggiunti i due anni. Questa scoperta è molto importante dal punto di vista clinico”.

I vantaggi della diagnosi precoce

I ricercatori spiegano che nei bambini affetti da autismo si rileva un maggiore volume cerebrale() tra il primo e il secondo anno di età. Un cambiamento che, osservando alcune aree del cervello, è in realtà riscontrabile prima dei 12 mesi. Questi cambiamenti a livello cerebrale, spiegano, possono essere rilevati attraverso la risonanza magnetica (MRI), ovvero “fotografando” il cervello.

Come funziona il software

Lo studio è stato realizzato su 106 bambini considerati a rischio autismo e su 42 non a rischio: le immagini ottenute mediante la risonanza magnetica sono poi state analizzate da un software dotato di intelligenza artificiale in grado di riconoscere i segnali cerebrali legati allo sviluppo della patologia.

 

 

da sapere!

Venire a conoscenza il prima possibile del disturbo del bambino permette ai genitori di intervenire in anticipo per favorirne le capacità di relazione l’integrazione nella società.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti