Autismo: presto una diagnosi precoce?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/01/2014 Aggiornato il 15/01/2014

All’ospedale Burlo Garofolo di Trieste sono stati avviati due progetti di ricerca per individuare i bambini con autismo già a 12-18 mesi

Autismo: presto una diagnosi precoce?

In futuro, forse, non si dovrà più attendere che il bambino abbia compiuto i tre o addirittura quattro anni prima di fare una diagnosi di autismo. All’ospedale Burlo Garofolo di Trieste, infatti, sono stati avviati due progetti di ricerca che hanno l’obiettivo di individuare precocemente la malattia.

È una sindrome comportamentale

L’autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, che esordisce nei primi tre anni di vita. È caratterizzato da una compromissione delle capacità comunicative e di interazione sociale e della presenza di comportamenti, attività e interessi ripetitivi e stereotipati. I “campanelli di allarme” di questa condizione, spesso, sono presenti e riconoscibili già dai 18 mesi di vita. Tuttavia, la diagnosi in genere non viene fatta prima dei tre-quattro anni di età. In futuro, però, le cose potrebbero cambiare.

I due progetti

L’unità di Neuropsichiatria infantile del Burlo Garofolo di Trieste, in collaborazione con le Asl, sta cercando di creare dei programmi per l’individuazione e il trattamento tempestivi dell’autismo. Al momento sono stati avviati due progetti di ricerca. Il primo ha l’obiettivo di promuovere una diagnosi molto precoce del problema. L’obiettivo è individuare la malattia fra i 12-18 mesi, grazie al riconoscimento dei segnali di rischio. Con il secondo progetto di ricerca, gli esperti puntano a mettere a punto un protocollo diagnostico-terapeutico condiviso e integrato per lo screening e presa in carico precoce dei bambini, utilizzando una scala di valutazione basata sull’osservazione di alcuni comportamenti.

Prima si interviene, meglio è

Quando si tratta di autismo, in effetti, le tempistiche sono essenziali. Se la malattia viene riconosciuta e trattata per tempo, si possono ottenere risultati migliori, favorendo il massimo sviluppo possibile delle diverse competenze compromesse nel disturbo. 

In breve

I SEGNALI DA NON SOTTOVALUTARE

È importante che mamma e papà non sottovalutino alcuni possibili segnali precoci di autismo. Qualche esempio? Il bimbo non risponde al suo nome, non indica e saluta con la mano, non riesce a chiedere cosa desidera, non guarda negli occhi, a volte sembra capace di udire altre no, è molto indipendente, dice le sue prime parole in ritardo. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti