Autismo: può dipendere dall’inquinamento?

È l’ipotesi di alcuni ricercatori americani, che hanno analizzato la qualità dell’aria e l’incidenza di autismo di alcune località 

Autismo: può dipendere dall’inquinamento?

L’inquinamento potrebbe essere un fattore di rischio per l’autismo. La cattiva qualità dell’aria, secondo alcuni scienziati della University of Pittsburgh Graduate School of Public Health (Stati Uniti), non inciderebbe solo sulla salute dei bambini in generale, causando problemi respiratori e allergici, ma aumenterebbe anche il rischio di soffrire di autismo, un disturbo neuro-psichiatrico dell’età evolutiva caratterizzato da ridotte capacità relazionali e comunicative e da un conseguente isolamento sociale. 

Picco di casi negli Usa

Lo studio ha voluto indagare le cause dell’aumento dei casi di autismo negli Stati Uniti: i ricercatori hanno indagato l’esposizione delle famiglie di 6 contee della Pennsylvania ad alcune sostanze tossiche presenti nell’aria, dimostrando un collegamento tra i livelli di cromo (un metallo) e stirene (un idrocarburo aromatico) e l’autismo. In particolare, i bambini più esposti a queste sostanze in gravidanza e nei primi anni di vita sono risultati 1,4 volte più a rischio di sviluppare la malattia. Gli autori hanno così concluso che l’inquinamento potrebbe essere un fattore di rischio per l’autismo. 

Sotto accusa le polveri sottili

Oltre al fatto che l’inquinamento potrebbe essere un fattore di rischio per l’autismo, gli esperti sottolineano che lo smog, dovuto prevalentemente alle polveri sottili, ossia ai particolati di dimensioni così piccole da passare attraverso il filtro nasale e raggiungere le vie respiratorie più piccole, nel profondo dei polmoni, è responsabile dell’aumento di bronchiti e bronchioliti nei bambini.

Come evitare i rischi

Come suggerisce la giornalista Paola Di Pietro nel libro “Come difendere i nostri figli dall’inquinamento” (Red Edizioni), per ridurre il più possibile l’esposizione dei piccoli allo smog, è consigliabile non portarli fuori quando le sostanze inquinanti sono maggiormente concentrate: d’inverno le ore più sfavorevoli sono le prime del mattino, quando, a causa della bassa temperatura (fenomeno spesso evidente grazie alla nebbiolina bassa visibile) l’aria ristagna verso il suolo. È utile poi scegliere percorsi poco trafficati o frequentati da automezzi, se il bambino è molto piccolo è meglio portarlo nel marsupio, nell’apposita fascia o nello zainetto, evitando il passeggino che lo espone maggiormente ai gas di scarico delle auto.

In breve

COME SI MANIFESTA L’AUTISMO

L’autismo è caratterizzato da un uso stereotipato dei movimenti o del linguaggio, rituali motori o verbali, fissazione per interessi particolari, iperreattività agli stimoli sensoriali. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti