Autismo: screening al nido e alla materna

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 16/10/2015 Aggiornato il 16/10/2015

È partito in Italia un progetto sperimentale negli asili nidi e nelle scuole materne per diagnosticare l’autismo, osservando i bambini mentre giocano

Autismo: screening al nido e alla materna

Riconoscere i segnali dell’autismo in età prescolare è molto difficile e per una diagnosi definitiva occorre aspettare che il bimbo cresca. Proprio per riuscire a individuare prima la malattia da fine settembre è stato introdotto in alcuni asili nidi e scuole materne (a Trieste, Torino, Firenze e da gennaio anche Roma) un modello scientifico di valutazione che permette di individuare eventuali segnali o ritardi psicomotori collegati all’autismo.

Osservare i bambini

Il progetto, promosso dall’UCEI (Unione delle Comunità Ebraiche) e da Villa Santa Maria (Centro Neuropsichiatrico Infantile con sede a Tavernario), coinvolge i bambini nel momento del gioco, per avere un punto di vista neutro e confortevole dove osservare l’andamento dello sviluppo psicomotorio. Il tutto nasce da una collaborazione di diversi anni tra Villa Santa Maria e l’Ospedale Hadassah di Gerusalemme, l’Università Ebraica di Gerusalemme e il Centro di diagnosi e riabilitazione pediatrica dell’Ospedale di Beer Sheva in Israele.

Tre fasi di studio

Per la valutazione del comportamento dei bambini sono utilizzati strumenti di misurazione dello sviluppo psicomotorio, messi a punto dagli esperti e integrati con i test tradizionali. Il progetto prevede tre fasi: la formazione degli educatori scolastici, l’osservazione dei bambini e il coinvolgimento dei piccoli in laboratori motori, inseriti in un ambiente ludico. In questo modo, fin dai primi mesi di vita, sarà possibile individuare eventuali segnali di un ritardo nello sviluppo. Nell’autunno 2016 saranno presentati in un convegno ad hoc, promosso dall’UCEI, i risultati e i dati raccolti durante i sei mesi della sperimentazione nelle scuole.

Compromessa l’attività sociale

La sindrome dello spettro autistico, infatti, nei bambini compromette l’aspetto relazionale ed emotivo, con la conseguente incapacità per il piccolo colpito di relazionarsi con gli altri bambini. Va detto, però che, i sintomi dell’autismo nella prima infanzia non si manifestano con certezza e ciò porta spesso a un ritardo nell’intervento. Ecco perché il nuovo metodo diagnostico per aiutare i piccoli che manifestano disagi riconducibili all’autismo riveste particolare importanza.

Il parere dell’esperto

Spiega Enzo Grossi, direttore di Villa Santa Maria: “Il 10% dei bambini manifesta sintomi che vanno dal semplice ritardo alla sindrome dello spettro autistico e questo test è il primo innovativo progetto di prevenzione primaria legato alla diagnosi dell’autismo, in un ambiente “ecologico” e quindi non invasivo. È auspicabile che altri istituti e scuole adottino questo metodo per permettere, grazie a una diagnosi precoce, di curare al meglio i piccoli affetti da autismo”.

 

 

 

 

 
 
 

In breve

AVVIATO IL PROGETTO PILOTA

 Per la prima volta in Italia è partito un progetto di screening negli asili nidi e nelle scuole materne, per diagnosticare un possibile ritardo nello sviluppo psicomotorio dei bambini riconducibile all’autismo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti