Autismo: una nuova scala di valutazione per la diagnosi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/04/2015 Aggiornato il 29/04/2015

Messo a punto un nuovo metodo in grado di individuare i segni di autismo e valutare gli effetti delle cure. Ecco come funziona

Autismo: una nuova scala di valutazione per la diagnosi

Diagnosticare l’autismo e monitorare i progressi dei bambini malati non è affatto facile. Ma in futuro le cose potrebbero essere più semplici. Un team di esperti londinesi, del Parent Infant Clinic e della School of Infant Mental Health di Londra, infatti, ha ideato un nuovo metodo di analisi che promette di agevolare i medici nel percorso di diagnosi e di cura. La Pre-autistic Behaviour Scale.

Una sindrome complessa

L’autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, che sembra essere biologicamente determinato. Secondo le stime, in Italia riguarda quattro bambini su mille. Nella maggior parte dei casi, i primi segnali si manifestano sotto i tre anni d’età. I sintomi più comuni sono: compromissioni del linguaggio, interessi ristretti, comportamenti ripetitivi, difficoltà di contatto emotivo. Tuttavia, occorre considerare che ogni caso presenta caratteristiche e sfumature differenti.

La diagnosi è complessa

La diagnosi di autismo non è facile, specialmente nelle fasi iniziali. Infatti, i segni possono essere sfumati e confusi con quelli di altre malattie. Ecco perché da tempo i ricercatori stanno cercando di mettere a punto dei test e metodi di valutazione precisi e attendibili. Una nuova speranza arriva dalla scala di valutazione elaborata dagli studiosi anglosassoni. In pratica, si tratta di un metodo che può essere usato nei bambini fino ai quattro anni e promette di aiutare i medici sia a rilevare i segni dell’autismo sia a valutare gli effetti degli eventuali interventi intrapresi.

Un nuovo strumento di osservazione

La scala consente di esaminare le diverse aree coinvolte dalla malattia (intersoggettiva-sociale, sensoriale, motoria posturale, emozionale e gli effetti sui caregiver) e di individuare i disagi dei bambini e dei loro genitori. Indaga rumori e gesti; movimenti della bocca, della lingua e delle mani; i suoni prodotti bambini; la capacità di indicare oggetti o un interesse. Ma non solo. Osserva come il piccolo si attacca al seno della mamma, ovviamente quando allattato naturalmente; se tollera la frustrazione; se tocca i materiali morbidi; se risponde al suo nome. “È uno strumento di osservazione che ci fa cogliere dei segni pre-autistici proprio perché indaga le aree coinvolte in questo disturbo: sociale, emozionale e comunicativa” hanno spiegato gli autori della ricerca. La Pre-autistic Behaviour Scale prende in considerazione anche la mamma e i suoi comportamenti e può essere impiegata sia in fase di diagnosi sia durante le cure.

 

 

 

In breve

UNA MALATTIA CHE COINVOLGE TUTTA LA FAMIGLIA

L’autismo è una malattia che coinvolge tutta la famiglia. I genitori non devono sentirsi in colpa o giudicati: è normale che il loro comportamento e i loro pensieri cambino e siano strettamente legati ai disagi di cui soffre il figlio.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti