Autismo: una nuova scala di valutazione per la diagnosi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/04/2015 Aggiornato il 29/04/2015

Messo a punto un nuovo metodo in grado di individuare i segni di autismo e valutare gli effetti delle cure. Ecco come funziona

Autismo: una nuova scala di valutazione per la diagnosi

Diagnosticare l’autismo e monitorare i progressi dei bambini malati non è affatto facile. Ma in futuro le cose potrebbero essere più semplici. Un team di esperti londinesi, del Parent Infant Clinic e della School of Infant Mental Health di Londra, infatti, ha ideato un nuovo metodo di analisi che promette di agevolare i medici nel percorso di diagnosi e di cura. La Pre-autistic Behaviour Scale.

Una sindrome complessa

L’autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, che sembra essere biologicamente determinato. Secondo le stime, in Italia riguarda quattro bambini su mille. Nella maggior parte dei casi, i primi segnali si manifestano sotto i tre anni d’età. I sintomi più comuni sono: compromissioni del linguaggio, interessi ristretti, comportamenti ripetitivi, difficoltà di contatto emotivo. Tuttavia, occorre considerare che ogni caso presenta caratteristiche e sfumature differenti.

La diagnosi è complessa

La diagnosi di autismo non è facile, specialmente nelle fasi iniziali. Infatti, i segni possono essere sfumati e confusi con quelli di altre malattie. Ecco perché da tempo i ricercatori stanno cercando di mettere a punto dei test e metodi di valutazione precisi e attendibili. Una nuova speranza arriva dalla scala di valutazione elaborata dagli studiosi anglosassoni. In pratica, si tratta di un metodo che può essere usato nei bambini fino ai quattro anni e promette di aiutare i medici sia a rilevare i segni dell’autismo sia a valutare gli effetti degli eventuali interventi intrapresi.

Un nuovo strumento di osservazione

La scala consente di esaminare le diverse aree coinvolte dalla malattia (intersoggettiva-sociale, sensoriale, motoria posturale, emozionale e gli effetti sui caregiver) e di individuare i disagi dei bambini e dei loro genitori. Indaga rumori e gesti; movimenti della bocca, della lingua e delle mani; i suoni prodotti bambini; la capacità di indicare oggetti o un interesse. Ma non solo. Osserva come il piccolo si attacca al seno della mamma, ovviamente quando allattato naturalmente; se tollera la frustrazione; se tocca i materiali morbidi; se risponde al suo nome. “È uno strumento di osservazione che ci fa cogliere dei segni pre-autistici proprio perché indaga le aree coinvolte in questo disturbo: sociale, emozionale e comunicativa” hanno spiegato gli autori della ricerca. La Pre-autistic Behaviour Scale prende in considerazione anche la mamma e i suoi comportamenti e può essere impiegata sia in fase di diagnosi sia durante le cure.

 

 

 

In breve

UNA MALATTIA CHE COINVOLGE TUTTA LA FAMIGLIA

L’autismo è una malattia che coinvolge tutta la famiglia. I genitori non devono sentirsi in colpa o giudicati: è normale che il loro comportamento e i loro pensieri cambino e siano strettamente legati ai disagi di cui soffre il figlio.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti