Bimbi più altruisti se “allenati” a emozionarsi

Conoscere le emozioni attraverso film, storie ed esempi pratici aiuta i bambini, fin da piccolissimi, a sviluppare empatia e altruismo

Conoscere le emozioni aiuta i bambini a essere più empatici e altruisti, già da piccolissimi. Secondo uno studio condotto all’università di Milano-Bicocca su 150 bambini tra i 2 e i 3 anni, ascoltare storie ad alto tasso emotivo, che suscitano sensazioni come rabbia, paura, allegria, tristezza o felicità, favorisce lo sviluppo di uno spirito generoso e altruista.

Lo studio su bambini piccoli

Per effettuare il loro studio, i ricercatori hanno fatto ascoltare ai bambini brevi storie nelle quali i protagonisti esprimevano emozioni varie. Dopo l’ascolto, i piccoli hanno partecipato a una conversazione guidata e svolto compiti di riconoscimento e comprensione delle emozioni. Sono stati poi osservati mentre giocavano spontaneamente fra loro ed è emerso che mostravano migliori abilità socio-emotive, in particolare maggiore apertura e disponibilità nei confronti dei compagni in difficoltà.

Più generosità

I comportamenti altruisti sono raddoppiati: in particolare, sono aumentati i comportamenti di aiuto (porgere oggetti, chiamare l’adulto in soccorso), di consolazione e conforto (fare le carezze, parlare) e di condivisione (giocare insieme con gli stessi materiali). Gli scienziati hanno concluso che conoscere le emozioni aiuta i bambini a essere più empatici e altruisti.

Per combattere aggressività e bullismo

La scoperta è importante perché l’aumento di questi comportamenti, spiegano gli autori, rappresenta un precoce fattore di protezione da condotte sociali negative, come aggressività, bullismo, prevaricazione. Sulla base di questa constatazione, i ricercatori milanesi hanno messo a punto una nuova tipologia di attività, che può essere inserita nei percorsi educativi dei bambini che vanno al nido.

Conta anche l’esempio a casa

Conoscere le emozioni aiuta i bambini a essere più empatici e altruisti, ma per aiutarli a sviluppare sensibilità verso il prossimo, è fondamentale anche il buon esempio in famiglia. Parlare in casa delle famiglie bisognose e di chi è in difficoltà, sottolineando l’importanza di soccorrere i più deboli, è il modo migliore per sensibilizzare i bambini sul valore dell’aiuto reciproco, spiegano gli psicologi dell’età evolutiva. Dai 4 anni in poi si può cominciare a trasmettere il significato della condivisione e del dono gratuito. Qualche esempio? Comprare un pacchetto di caramelle da portare all’asilo, fotocopiare i disegni da colorare per i compagni, regalare i giochi inutilizzati a chi non può permetterseli. 

 

 

 

 
 
 

In breve

 L’ASILO NIDO, UNA “PALESTRA” PER SOCIALIZZARE

 L’asilo nido è un ambiente ricco di stimoli: favorisce la socializzazione precoce, la capacità di mutuo aiuto e la collaborazione reciproca. Anche il ministero della Salute sottolinea come questo ambiente favorisca uno sviluppo psicofisico equilibrato.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti