Il bimbo fa i capricci? Attenzione al peso

Se il bimbo è in sovrappeso, la colpa potrebbe essere dei capricci. Infatti, i bimbi “difficili” troverebbero conforto e consolazione nel cibo

È una fase che prima o poi tutti i genitori devono affrontare. Anche i bimbi più docili, obbedienti e tranquilli, infatti, non riescono a resistere ai capricci. Dire no a ogni richiesta di mamma e papà, rifiutarsi di fare ciò che chiedono gli adulti, rendere la vita impossibile agli altri sembra far parte del “Dna” di ogni bimbo. È innegabile però che alcuni siano più capricciosi di altri. In questo caso, è bene fare estrema attenzione: sembra, infatti, che i bambini particolarmente “difficili” abbiano maggiori probabilità degli altri di aumentare di peso. Questa perlomeno è la conclusione cui è giunto un recente studio condotto da un team di ricercatori statunitensi, della Buffalo University, e pubblicato sulla rivista Childhood Obesity.

 Esaminati oltre 100 bimbi

La ricerca ha coinvolto 105 bambini fra i 9 e i 18 mesi. Gli autori li hanno coinvolti in un facile esperimento per capire in che modo facessero i capricci. In pratica, hanno spiegato loro che semplicemente premendo un pulsante avrebbero potuto ottenere una ricompensa. I premi a disposizione erano di tre tipi: una porzione del loro cibo preferito, bolle di sapone o giochi musicali. Poi hanno chiesto ai genitori di compilare un questionario formato da quasi 200 domande, per raccogliere il maggior numero possibile di informazioni sul temperamento e le attitudini dei piccoli. Combinando i risultati del test con le risposte fornite da mamma e papà, gli studiosi hanno raggiunto conclusioni interessanti.

I capricci fanno mangiare di più

Dall’analisi dei risultati, infatti, è emerso che non tutti i capricci erano uguali. In particolare, si è visto che i bambini particolarmente nervosi, che quando fanno i capricci si agitano molto e non si calmano facilmente, durante l’esperimento si impegnavano soprattutto per ricevere una ricompensa di cibo. I bimbi più coccoloni e dal carattere docile, invece, preferivano avere altri premi.

Cambiare le cose si può

Gli autori hanno concluso che i bambini “capricciosi” trovano una sorta di consolazione nel cibo, per cui i capricci potrebbero in qualche modo influire sul peso corporeo. Hanno però invitato i genitori a non preoccuparsi: se i figli trovano conforto nel cibo, si può intervenire per evitare conseguenze negative. In che modo? Proponendo attività alternative, come giochi e attività da fare insieme.

 

 

 
 
 

In breve

UN CONSIGLIO PER I GENITORI

Per contenere i capricci, mamma e papà devono essere autorevoli, ma non autoritari. Questo significa che devono imparare a farsi rispettare senza ricorrere a schiaffoni o sculacciate, ma adottando un atteggiamento fermo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti