Bullismo: troppa tv aumenta il rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/09/2015 Aggiornato il 09/09/2015

I bimbi che a due anni e mezzo guardano tanta tv possono essere vittime di bullismo a dieci-undici anni. Ecco perché

Bullismo: troppa tv aumenta il rischio

 Mamme, diciamoci la verità. Quando i nostri bimbi sono molto piccoli, il fatto che se ne stiano tranquilli a vedere la tivù ci sta bene. Possiamo dedicarci alle faccende di casa, leggere un buon libro e, perché no, trascorrere un po’ di tempo a “condividere” i nostri pensieri su facebook o twitter… Ma avete mai pensato alle conseguenze per nostro figlio che trascorre molte ore davanti allo schermo?

Troppo tempo in solitudine

Guardare troppa tv all’età di due anni e mezzo aumenta il rischio di diventare vittime di bullismo tra i dieci e gli undici anni: sono questi i risultati emersi da uno studio condotto dall’università di Montreal e divulgati sul rivista Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics. Il bimbo, nel momento in cui guarda il suo cartone animato  preferito, si isola dal resto del mondo e si disinteressa di ciò che accade intorno. Diminuiscono le relazioni con il primo nucleo fondamentale della società, la famiglia e, di conseguenza, a lungo andare avrà più difficoltà ad interagire e a farsi capire dagli “altri”.

Difficoltà a sviluppare contatti sociali

“Abitudini di vita caratterizzate nell’età evolutiva da minori esperienze interattive possano provocare in seguito dei deficit negli interessi sociali” spiega Linda Pagani, coordinatrice dello studio. “Non vengono stimolate le “funzioni cerebrali competenti nel risolvere problemi interpersonali, regolare stati emotivi, sviluppare contatti sociali positivi e il gioco coi coetanei”.

L’importanza di guardarsi negli occhi

Mentre sta davanti la televisione il piccolo interagisce solo con gli input che riceve da immagini ed espressioni che gli provengono dall’apparecchio. “Guardare troppa tv può far diminuire la capacità di stabilire un contatto emotivo con gli altri attraverso lo sguardo, fondamentale per acquisire sicurezza in se stessi e gestire le amicizie e le interazioni sociali”, avverte Linda Pagani.

Lo studio sui ragazzi canadesi

Per giungere a queste conclusioni è stato monitorato il comportamento di 991 ragazze e 1.006 ragazzi canadesi. Sono stati sentiti i genitori sull’abitudine dei figli di guardare la tv da piccoli e sono stati gli stessi ragazzi a riferire di episodi subìti di bullismo da parte dei coetanei nell’età tra i dieci e gli undici anni.  Nello specifico, è stato chiesto se gli venivano sottratti degli oggetti dai compagni o se venivano derisi o picchiati.

Due ore al giorno al massimo

Proibire che i nostri bimbi passino del tempo ad adulare il loro mito dei cartoni? Impossibile. Ci vogliono però delle regole per limitare gli abusi. Massimo due ore al giorno: raccomanda  l’American Academy of Pediatrics. La metà del tempo di una giornata viene impiegata dai bambini per sviluppare i bisogni primari, mangiare, dormire, pulizia. “Il resto della giornata – spiega Pagani – andrebbe dedicato a relazioni e attività che li arricchiscano, come per esempio il gioco, che permette loro di essere creativi e ai genitori offre la possibilità di capire come i loro figli interagiscono con gli altri a livello sociale ed emotivo, in modo da poter correggere o promuovere determinati comportamenti”.

 

 

 

 

 
 
 

DA SAPERE!

 Più tempo al gioco che sviluppa la creatività dei più piccoli. Prendiamoci del tempo per divertirci con i nostri figli.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti