Ecolalia bambini: che cos’è, le cause e come si cura

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 21/08/2023 Aggiornato il 21/08/2023

Comportamento imitativo tipico della fase di apprendimento del linguaggio, l’ecolalia nei bambini è un passaggio normale, ma che non va sottovalutato. Scopriamo che cos’è, i sintomi, come trattarla e il suo rapporto con l’autismo

L'ecolalia nei bambini è un fenomeno normale, legato allo viluppo del linguaggio. In alcuni casi, però, può essere il campanello d'allarme di un disturbo più serio, come l'autismo, per cui non va mai sottovalutata

Passaggio tipico della fase dello sviluppo del linguaggio, l’ecolalia nei bambini è un fenomeno peculiare della fase di crescita dei bambini. Si tratta di una manifestazione totalmente normale, che porta i piccoli a ripetere frasi e parole sentite da qualcun altro, ricalcandone anche l’intonazione. Può allarmare i genitori e non va sottovalutata, vista la sua alta incidenza con l’autismo.

Ecolalia nei bambini: di che cosa si tratta

L’ecolalia infantile è una normale fase dello sviluppo del linguaggio, che si presenta attorno ai due anni e conclude la propria evoluzione in modo completamente naturale e autonomo nel momento in cui si impara a parlare correttamente.

Esercitata dal bambino solitamente senza averne coscienza, l’ecolalia è un eco-fenomeno – ossia un comportamento imitativo – che porta i piccoli a ripetere, ricalcandone anche il tono, frasi o parole sentite pronunciare da qualcun altro. In alcuni casi, i piccoli possono arrivare a ripetere anche intere conversazioni o canzoni ascoltate in radio o in televisione.

Come mai i bambini ripetono le frasi a pappagallo

L’ecolalia nei bambini può essere immediata o differita. Nel primo caso, si tratta di un fenomeno tipico dello sviluppo del linguaggio, anche necessario, che li porta a ripetere per rafforzare la coscienza e la conoscenza di quello che hanno appena sentito. Nell’ecolalia differita, invece, la ripetizione si manifesta in un secondo momento, in modo appunto differito dall’ascolto.

In ogni caso, l’ecolalia può allarmare i genitori, un po’ disorientati da questo fenomeno. Non è raro arrivare ad arrabbiarsi o sentirsi frustrati per non riuscire a “correggere” il piccolo, per questo è fondamentale essere consapevoli che si tratta di un passaggio normale e, nella maggioranza dei casi, senza conseguenze negative, anzi.

Fatta questa premessa, è anche vero, che l’alta incidenza dell’ecolalia con diversi disturbi neuropsicologi la rende un campanello d’allarme da tenere monitorato con il supporto di un esperto. Potrebbe, inoltre, celare ulteriori problematiche, come difficoltà a comunicare, poca stima, depressione, mutismo selettivo e non. Raramente, poi, in concomitanza con abulia e afasia, l’ecolalia potrebbe derivare da una lesione del lobo frontale.

Ecolalia e autismo: c’è collegamento?

Tra i disturbi maggiormente legati all’ecolalia infantile rientra certamente l’autismo. Le valutazioni sui bambini affetti da problemi dello spettro autistico hanno, infatti, rivelato che in ben tre pazienti su quattro era presente questo fenomeno.

Nella maggior parte dei casi, esattamente come altri comportamenti simili, ripetere fasi e parole serve ai bambini con autismo a calmarsi dopo una crisi. Al tempo stesso, l’ecolalia favorisce l’apprendimento del linguaggio e delle capacità comunicative e di socializzazione dei piccoli pazienti, che possono ripetere anche per auto-intrattenersi o interagire con gli altri.

Ecolalia infantile, diagnosi e trattamenti

Per diagnosticare l’ecolalia nei bambini è necessario rivolgersi a un professionista, che ne indaghi le cause e le manifestazioni attraverso valutazioni specifiche del linguaggio ed esami strumentali e di laboratorio.

Con manifestazioni particolarmente marcate o problematiche, l’ecolalia viene trattata attraverso l’impiego di diversi approcci, che vanno da quello logopedico e comportamentale, per favorire la corretta modalità di espressione, a quello farmacologico, con la somministrazione di medicinali antidepressivi o ansiolitici.

Nel percorso resta fondamentale l’apporto dei familiari e delle persone che vivono con il bambino, chiamati – sotto la guida di uno specialista – a supportare e stimolare il piccolo per favorire il corretto sviluppo delle proprie abilità comunicative.

 

 

 
 
 

In sintesi

Entro certi limiti l’ecolalia nei bambini è un fenomeno normale, legato allo sviluppo del linguaggio. Va, comunque, monitorata con attenzione con l’aiuto del pediatra perché può essere la spia di disturbi più seri, come l’autismo.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti