Farmaci per i bambini: la metà è usata off-label

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 06/08/2021 Aggiornato il 06/08/2021

Quasi la metà dei farmaci per i bambini vengono utilizzati off-label, ossia fuori dalle indicazioni ufficiali per quel farmaco e riportato sul foglietto illustrativo

Farmaci per i bambini: la metà è usata off-label

Troppi farmaci prescritti off-label, quindi al di la di quanto riportato nel foglietto illustrativo. I bambini, però, non sono adulti in miniatura, per questo prima di somministrare loro dei farmaci bisogna fare attenzione e in caso di dubbio contattare il pediatra.

Una precisazione d’obbligo, visto che nel mondo più della metà delle prescrizioni di medicinali in fascia pediatrica, ossia nel 54% dei casi, vengono prescritti ai bambini al di fuori delle indicazioni previste: si tratta di molecole utilizzate o in età diverse, oppure per patologie differenti, o anche con altre dosi.

Dosi, frequenza, durata ed età

Quando si tratta di somministrare farmaci ai bambini, dunque la prudenza non è mai troppa. I bambini possono assorbire ed eliminare i farmaci in maniera differente, così come l’azione benefica e gli effetti collaterali possono essere molto diversi  da quelli che si manifestano negli adulti.

La realtà è che meno del 50% di tutti i farmaci destinati alla popolazione pediatrica sono stati espressamente studiati per loro, anche perché gli studi sui bambini non sono sempre facili da eseguire e risultano molto onerosi. Così nei bambini vengono spesso impiegati, a dosaggi adattati secondo il criterio del peso corporeo, medicinali che in realtà sono autorizzati per l’età adulta.

Questa è cosiddetta prescrizione off-label, cioè al di fuori di quanto autorizzato e riportato nel foglietto illustrativo (off-label per indicazione, dose, frequenza, durata, età).

Affidarsi al pediatra

Meglio dunque affidarsi sempre alle indicazioni del pediatra, evitando il fai da te, e non  somministrare ai più piccoli i farmaci destinati agli adulti, modificando arbitrariamente la dose o manipolando la formulazione.

Chiedere consiglio al pediatra è sempre la cosa giusta da fare, a maggior ragione se il bambino ha meno di 2 anni o se deve assumere un farmaco per la prima volta. Anche se si tratta di un medicinale che non richiede la prescrizione medica, è importante ascoltare sempre il parere di un medico e leggere attentamente il foglietto illustrativo.

3 regole prima della somministrazione

Secondo Federfarma e l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, prima di dare al bambino un qualsiasi medicinale è necessario:

1 leggere attentamente il foglietto illustrativo del farmaco, controllando il nome del principio attivo e verificando che non sia presente in altri farmaci che il bambino sta già assumendo;
2 controllare nel foglietto illustrativo che il medicinale non interagisca con altri farmaci che il bambino assume;
3 seguire con attenzione dosi e tempi di somministrazione indicati in base al peso corporeo e all’età del bambino.

 

 
 
 

Da sapere!

A volte la lettura attenta foglietto illustrativo può disorientare un genitore. Molti farmaci non sono stati sperimentati al di sotto dei 2 anni e la loro innocuità è probabile ma non garantita. In questi casi, il foglietto illustrativo dice addirittura che il farmaco è sconsigliato o controindicato nei bambini. Anche qui, occorre parlarne con il pediatra che ha in cura il bambino.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti