Febbre: origine sconosciuta per 1 bimbo su 5

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 27/11/2018 Aggiornato il 28/11/2018

La febbre di origine sconosciuta statisticamente colpisce 20 bambini su 100. A Milano è attivo un centro presso il Policlinico

Febbre: origine sconosciuta per 1 bimbo su 5

La febbre è un sintomo molto frequente nei bambini, soprattutto nei primi mesi e nei primi anni di vita, quando le malattie infettive ne rappresentano la causa preponderante. A volte però si presenta senza una causa apparente mettendo ancora di più in allarme i genitori.   Nella maggior parte dei casi, infatti, il rialzo della temperatura corporea ha una causa facilmente riconoscibile, come le infezioni respiratorie o intestinali. Quando, però, la febbre è periodica o ricorrente, potrebbe essere la manifestazione di un disturbo più serio, come, per esempio, una malattia autoinfiammatoria o autoimmune, che deve essere indagata e trattata nel modo più tempestivo e preciso possibile. La febbre di origine sconosciuta (FUO, Fever of Unknown Origin) è caratterizzata da un’elevazione della temperatura corporea al di sopra di 37,9° C e può persistere per settimane senza un’apparente spiegazione.

Un centro al Policlinico di Milano

A Milano opera un centro specializzato per i casi di FUO nei bambini presso l’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura del Policlinico dell’Università degli Studi. Si tratta di un ambulatorio specializzato nel trattamento dei soggetti a rischio o che necessitano di un iter diagnostico-terapeutico complesso. I casi di febbre di origine sconosciuta sono più difficili da diagnosticare nei bambini di età inferiore ai 3 anni, soprattutto quando non vi sono sintomi o reazioni evidenti o quando, come avviene in presenza di malattie autoinfiammatorie associate a febbre periodica, si assiste a un completo benessere del bambino nei periodi che intercorrono tra un episodio febbrile e l’altro.

La sindrome di Kawasaki

La FUO può essere sintomo anche di malattie rare, tra cui la malattia di Kawasaki, una vasculite acuta sistemica che colpisce i vasi di medio e piccolo calibro di tutti i distretti dell’organismo. Nell’80% dei casi colpisce neonati e bambini di età inferiore ai 5 anni, con una lieve preponderanza per il sesso maschile, ed è caratterizzata da febbre per più di 5 giorni. Inizialmente è difficile da diagnosticare. La complicanza più temibile è rappresentata dagli aneurismi coronarici. La malattia può durare fino a tre mesi e avere conseguenze sulla salute future. 

 

 

 
 
 

In breve

IMPORTANTE UNA DIAGNOSI PRECOCE

Susanna Esposito, presidente WAidid (Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici) ha sottolineato l’importanza di una tempestiva diagnosi dei casi di FUO per individuare la terapia più adeguata ed evitare ciò che era la regola fino a un decennio fa, quando il bambino veniva immediatamente trattato con antibiotici e sottoposto a una lunga serie di esami.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti