Generosità e altruismo si imparano già a un anno di vita

Silvia Finazzi Pubblicato il Aggiornato il 12/09/2018

Generosità e altruismo non sono innati, ma nemmeno si apprendono quando si è già grandicelli. Ecco come si sviluppano

Già dopo aver spento la prima candelina i bambini imparano ad aiutare gli altri. A rivelarlo è uno studio condotto da un team di ricercatori tedeschi, dell’Università di Münster e della Free University Berlin, pubblicato sulla rivista medica Child Development. 

Uno studio in due tempi

Lo studio ha riguardato complessivamente 91 bambini di 16 mesi che vivevano in cittadine di medie dimensioni. Gli autori hanno condotto due esperimenti distinti. In un primo momento hanno fatto osservare ripetutamente ai piccoli partecipanti due scene: in una, un adulto era impegnato ad aiutare un’altra persona che aveva bisogno di un oggetto, mentre nell’altra l’adulto si mostrava indifferente alla richiesta di aiuto e faceva finta di nulla. In entrambi i casi, i bimbi potevano intervenire come ritenevano più opportuno.

Imitano gli altri

Durante l’esperimento, gli studiosi hanno osservato attentamente le reazioni dei bimbi. Hanno così notato che i bambini tendevano a offrire il loro aiuto se anche l’adulto lo faceva: dopo aver osservato la scena dell’adulto che offriva l’oggetto che serviva all’altra persona (per esempio delle tazze per costruire una torre), metà dei partecipanti lo ha imitato. Dopo aver osservato l’adulto che fingeva disinteresse, invece, solo pochi bambini hanno mostrato generosità e altruismo.

La seconda prova

A questo punto, gli autori hanno realizzato il secondo esperimento per capire se quella dei bambini fosse una semplice imitazione del comportamento osservato nell’adulto o, se invece, dietro ci fosse un ragionamento che tenesse conto della necessità della persona che voleva l’oggetto. Per farlo, hanno fatto osservare ai partecipanti delle scene simili alle precedenti, solo che in un caso la persona non aveva bisogno dell’oggetto.

Risultati sorprendenti

È emerso che quando i bambini vedevano l’adulto aiutare la persona erano propensi a farlo a loro volta, ma quando vedevano che l’altra persona mostrava di non aver bisogno dell’oggetto, i piccoli tendevano a non imitare il comportamento altruista. Gli esperti hanno concluso che altruismo e generosità sono qualità che si apprendono presto. Se per alcuni versi il buon esempio è fondamentale, per altri non è solo la voglia di imitare gli altri a muovere i bambini, ma anche la comprensione di bisogni e necessità altrui.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Nei bambini piccoli generosità e altruismo possono manifestarsi con la voglia di passare un giocattolo al fratello o un oggetto alla mamma.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti