I capricci dei bambini: perché dice sempre no

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/05/2012 Aggiornato il 05/05/2012

Quella dei capricci dei bambini è una tappa fisiologica, cioè normale, dello sviluppo e dire sempre “no” è un modo per il piccolo per affermare la propria autonomia

I capricci dei bambini: perché dice sempre no

Il periodo che va dai 18-24 mesi ai 3 anni di età  è caratterizzato dai capricci dei bambini: tutti i bambini, anche quelli sinora più calmi e ubbidienti, attraversano una fase particolare della loro evoluzione psicologica contraddistinta dalla tendenza a fare spesso i capricci: rispondere sistematicamente di “no” alle richieste dei grandi, trasgredire le loro regole, arrivando spesso a innescare delle vere e proprie “sfide”, diventa quindi un atteggiamento quotidiano.

Una fase passeggera

Quella dei capricci dei bambini, pur trattandosi di un periodo molto impegnativo per i genitori, la cui pazienza e capacità di controllo viene messa alla prova quotidianamente, è però una tappa fondamentale della progressiva conquista di indipendenza da parte del bambino. In questo percorso naturale di graduale distacco dalle figure di “attaccamento”, dire “no” diventa, infatti, un mezzo per differenziarsi dal “grande” nei cui confronti sinora il bambino ha vissuto un rapporto di totale dipendenza e per iniziare ad affermare la propria personalità in via di formazione.

Dice no soprattutto alla mamma

Quale sua principale “figura di attaccamento” è soprattutto dalla mamma che il bimbo deve “prendere le distanze” per cominciare a riconoscersi e auto-percepirsi come un essere dotato di una propria volontà e identità. Tale scenario offre inoltre al padre l’opportunità di assumere il prezioso ruolo di “intermediario”: oltre a non rappresentare il bersaglio principale dell’oppositività del bambino, il fatto stesso di trascorrere meno tempo con lui tende, infatti, a renderlo più paziente e comprensivo e a fargli individuare vie d’uscita più morbide da situazioni di sfida spesso esasperate ed esasperanti per i due principali contendenti.

Come farsi ubbidire

Stabilisci poche e chiare regole ma pretendi che siano seguite: eccedere nei divieti oltre ad aumentare le difficoltà di gestione, finisce spesso per esasperare l’atteggiamento trasgressivo del piccolo o, sul fronte opposto, frustra troppo la sua naturale volontà di auto affermazione. Viceversa avere dei limiti ben definiti e riconoscibili aiuta il bimbo a rispettarli e l’adulto a farli rispettare limitando le occasioni di scontro.

Impara ad affrontare le scenate senza subirne il ricatto: il timore che il piccolo metta in scena una “crisi di collera” di fronte a un “no” spinge spesso il genitore a cedere soprattutto in situazioni pubbliche che potrebbero creargli dell’imbarazzo. Tale atteggiamento però, oltre a essere del tutto antieducativo, tende alla lunga a disorientare il bambino che nei divieti di mamma e papà inconsciamente cerca un limite rassicurante alla propria libertà d’azione.

In breve

È una tappa normale della crescita del bambino

Dire sempre di no per il bambino rappresenta un modo per dimostrare che sta diventando sempre più indipendente e che si sta staccando dalla figura principale, cioè la mamma. Farsi ubbidire diventa impegnativo ecco perché è importante stabilire alcune regole pretendendo che vengano seguite e imparare ad affrontare le scenate senza subirne il ricatto.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti