La scrittura si impara da (molto) piccoli

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 13/09/2017 Aggiornato il 13/09/2017

I bambini che sotto i 3 anni si approcciano al mondo della scrittura e della lettura sviluppano prima la capacità di leggere e scrivere

La scrittura si impara da (molto) piccoli

Uno studio dell’Università di Washignton, pubblicato sulla rivista scientifica Child Development, sostiene che i bambini possono apprendere alcune regole di scrittura e lettura anche prima dei 3 anni. I primi scarabocchi dei bimbi con lettere scritte a casaccio sarebbero, infatti, dei tentativi di seguire i primi metodi di ortografia.

L’esperimento su quasi 200 bambini

Durante l’indagine gli studiosi americani hanno preso in esame la scrittura di 175 bambini sotto i 5 anni: prima hanno fatto ascoltare loro dei suoni e poi hanno chiesto loro di scriverne le relative parole. I bambini, pur sbagliando le lettere, riuscivano a collegare la lunghezza della parola che avevano ascoltato con quella scritta sul foglio, cioè a un suono più lungo associavano parole formate da una sequenza di più lettere.

Connessioni importanti

A test ultimato la professoressa di scienze psicologiche e cerebrali Rebecca Treiman, coautrice della ricerca, ha affermato che dai risultati è emerso che i bambini incominciano ad apprendere quali lettere appaiono spesso insieme e quali invece appaiono insieme più raramente, prima di imparare come le lettere rappresentino i suoni di un linguaggio.

Individuare prima eventuali problemi

Abituare i bambini tra i 3 e i 5 anni alle prime regole di scrittura e ortografia, quindi, può essere importante per far crescere le loro capacità future di leggere e scrivere, oltre a favorire la possibilità di individuare disturbi specifici dell’apprendimento che possono quindi essere diagnosticati e trattati molto precocemente.

 

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’interesse per le lettere fa parte del percorso di esplorazione dei più piccoli. Nei primi 7 anni di vita, infatti, il bambino impara per imitazione ed esempio.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti