Libri bimbi: non solo con i pop up!!!

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/11/2016 Aggiornato il 10/11/2016

I libri per i bimbi con i pop up o con inserti vari sono divertenti, ma sono scambiati per giochi dai bambini e non li stimolano ad apprendere. Meglio averne tanti anche di classici

Libri bimbi: non solo con i pop up!!!

I libri per i bambini sono molto importanti per l’apprendimento e per stimolare l’intelligenza dei bimbi. È importante però saper scegliere i testi giusti, perché talvolta, anche se belli e divertenti, potrebbero non essere educativi quanto vorremmo.

I libri gioco

Figure di animaletti che saltano fuori in maniera tridimensionale, pagine morbide da accarezzare con le manine o addirittura fatte per essere morse con i dentini che spuntano. Sono i cosiddetti libri pop-up per i bimbi, pieni di sorprese e tanto divertenti, ma troppo spesso scambiati dai più piccoli per dei giochi a tutto discapito dell’apprendimento.

Osservati bimbi di due anni

È quanto emerso da uno studio presentato alla conferenza annuale della British Psychological Society. Per lo studio sono stati analizzati 31 bambini di 25 mesi di età, suddivisi in due gruppi. A ciascun gruppo è stato chiesto di guardare insieme a un ricercatore un libro che conteneva nove diversi prodotti alimentari, frutta e verdura. I libri erano esattamente gli stessi, ma uno aveva le immagini che si aprivano in forma tridimensionale mentre l’altro era di tipo tradizionale.

I libri classici vincono

Dei nove elementi elencati uno era sconosciuto a tutti i bambini, un tipo di frutto chiamato carambola. I piccoli venivano seguiti per essere sicuri il più possibile che non si distraessero e i nomi di frutti e verdura da identificare venivano ripetuti più volte. Dai risultati è emerso che i piccoli che avevano utilizzato un libro più tradizionale avevano il doppio delle probabilità di identificare correttamente il pezzo di carambola quando veniva loro mostrato.

Attenzione a quello che si acquista

È molto importante fare attenzione al tipo di libri che si acquista, scegliendo in base ai contenuti e alle illustrazioni; tutto quello che mettiamo a disposizione dei bambini manda dei messaggi, offre delle possibilità  e non altre e consente loro un tipo di utilizzo e non altri. Colori, dimensioni, materiali, effetti speciali, tutti questi elementi sembrano secondari quando scegliamo un libro, eppure sono importanti.

Giusti per l’età

Un libro di dimensioni troppo grandi è “faticoso” da sfogliare per un piccolino come è altrettanto faticoso per lui che le pagine siano sottili o che ci siano nel libro elementi, magari belli e ricercati, ma troppo fragili per le sue manine.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

 

LEGGERE INSIEME

Per aiutare il bambino ad associare la lettura a un’attività piacevole e divertente può essere utile, anche via via che il bimbo cresce, “leggere” insieme, grandi e piccoli, ad alta voce. Questo abitua all’ascolto e favorisce un momento di condivisione dove il libro è protagonista.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti