Libri bimbi: non solo con i pop up!!!

I libri per i bimbi con i pop up o con inserti vari sono divertenti, ma sono scambiati per giochi dai bambini e non li stimolano ad apprendere. Meglio averne tanti anche di classici

I libri per i bambini sono molto importanti per l’apprendimento e per stimolare l’intelligenza dei bimbi. È importante però saper scegliere i testi giusti, perché talvolta, anche se belli e divertenti, potrebbero non essere educativi quanto vorremmo.

I libri gioco

Figure di animaletti che saltano fuori in maniera tridimensionale, pagine morbide da accarezzare con le manine o addirittura fatte per essere morse con i dentini che spuntano. Sono i cosiddetti libri pop-up per i bimbi, pieni di sorprese e tanto divertenti, ma troppo spesso scambiati dai più piccoli per dei giochi a tutto discapito dell’apprendimento.

Osservati bimbi di due anni

È quanto emerso da uno studio presentato alla conferenza annuale della British Psychological Society. Per lo studio sono stati analizzati 31 bambini di 25 mesi di età, suddivisi in due gruppi. A ciascun gruppo è stato chiesto di guardare insieme a un ricercatore un libro che conteneva nove diversi prodotti alimentari, frutta e verdura. I libri erano esattamente gli stessi, ma uno aveva le immagini che si aprivano in forma tridimensionale mentre l’altro era di tipo tradizionale.

I libri classici vincono

Dei nove elementi elencati uno era sconosciuto a tutti i bambini, un tipo di frutto chiamato carambola. I piccoli venivano seguiti per essere sicuri il più possibile che non si distraessero e i nomi di frutti e verdura da identificare venivano ripetuti più volte. Dai risultati è emerso che i piccoli che avevano utilizzato un libro più tradizionale avevano il doppio delle probabilità di identificare correttamente il pezzo di carambola quando veniva loro mostrato.

Attenzione a quello che si acquista

È molto importante fare attenzione al tipo di libri che si acquista, scegliendo in base ai contenuti e alle illustrazioni; tutto quello che mettiamo a disposizione dei bambini manda dei messaggi, offre delle possibilità  e non altre e consente loro un tipo di utilizzo e non altri. Colori, dimensioni, materiali, effetti speciali, tutti questi elementi sembrano secondari quando scegliamo un libro, eppure sono importanti.

Giusti per l’età

Un libro di dimensioni troppo grandi è “faticoso” da sfogliare per un piccolino come è altrettanto faticoso per lui che le pagine siano sottili o che ci siano nel libro elementi, magari belli e ricercati, ma troppo fragili per le sue manine.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

 

LEGGERE INSIEME

Per aiutare il bambino ad associare la lettura a un’attività piacevole e divertente può essere utile, anche via via che il bimbo cresce, “leggere” insieme, grandi e piccoli, ad alta voce. Questo abitua all’ascolto e favorisce un momento di condivisione dove il libro è protagonista.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti