L’importanza del legame emotivo tra genitori e figli

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/12/2014 Aggiornato il 04/12/2014

Un attaccamento profondo con mamma e papà aiuta i figli anche nell’apprendimento scolastico

L’importanza del legame emotivo tra genitori e figli

Quando manca l’attaccamento verso i genitori i figli sono più a rischio di sviluppare disturbi comportamentali e problemi scolastici.

Insicurezza e difficoltà di sviluppo

Secondo uno studio pubblicato dal Sutton Trust, istituto londinese specializzato nel settore socioeducativo, i figli che non instaurano forti legami con la mamma o il papà prima dei 3 anni hanno una maggiore probabilità di sviluppare problemi di linguaggio e di comportamento già prima di iniziare a frequentare la scuola. Il legame di cui parlano gli autori dello studio è il cosiddetto “attaccamento sicuro”, quello che si forma grazie alle prime cure che i genitori prestano ai loro figli, per esempio consolarli quando piangono.

Senza legami affettivi aumentano i problemi

L’analisi ha incluso 14 mila bambini statunitensi nati nel 2001 e prendendo in considerazione i risultati di più di 100 studi accademici è stato scoperto che il 40% dei ragazzi non sviluppa un forte legame emotivo con i genitori. È risultato che i ragazzi con problemi di attaccamento abbandonano la scuola più spesso rispetto ai loro coetanei. Non solo, il 25% di questi ragazzi non si rivolge ai genitori quando ha un problema perché pensa che verrebbe ignorato e il 15% entra in conflitto con loro perché rappresentano una fonte di stress. Inoltre hanno maggiori probabilità di diventare adulti aggressivi, ribelli e iperattivi.

Imparare a gestire i sentimenti

Sophie Moullin, ricercatrice del dipartimento di sociologia dell’Università di Princeton e coautrice dell’analisi, ha spiegato che quando i genitori entrano in sintonia e rispondono ai bisogni dei loro figli e sono una fonte sicura di conforto, questo aiuta lo sviluppo emotivo e sociale dei bambini che imparano a gestire i loro sentimenti e i loro comportamenti. Per migliorare le capacità scolastiche e le opportunità di vita dei bambini potrebbe essere utile un maggiore sostegno da parte degli operatori sanitari e dei centri per l’infanzia nell’aiutare i genitori a migliorare il legame con i figli.

In breve

AIUTARE LE FAMIGLIE

Il sostegno alle famiglie che sono a rischio di scarsa genitorialità deve idealmente iniziare presto, alla nascita o anche prima, con interventi mirati per aiutare i genitori a sviluppare comportamenti che favoriscano l’attaccamento sicuro.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti