Linfonodi ingrossati: le nuove linee guida per l’età infantile

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/07/2014 Aggiornato il 21/07/2014

Linfonodi ingrossati: durante il Congresso italiano di pediatria sono state presentate le nuove linee guida per la valutazione nei bambini

Linfonodi ingrossati: le nuove linee guida per l'età infantile

Quando mamma e papà notano che il  proprio figlio ha i linfonodi ingrossati entrano subito in allarme. In realtà, nella maggior parte dei casi sono sintomi di un’infezione facilmente curabile. Lo hanno ribadito anche gli esperti presenti al Congresso italiano di pediatria. Nel corso del dibattito, la Società italiana di infettivologia pediatrica (SITIP) ha anche presentato le nuove linee guida per la gestione delle linfoadenopatie in età pediatrica.

Che cosa sono

I linfonodi sono piccole masse globose, costituite da tessuto linfatico, di grandezza variabile da un piccolo pisello a una nocciola. Sono disseminati un po’ ovunque nel corpo umano, soprattutto nella regione ascellare e inguinale. Quando si instaura un’infezione, all’interno del linfonodo si riproducono gli anticorpi (cellule destinate a combattere gli antigeni): come conseguenza il linfonodo si ingrossa e non si “sgonfia” fino al momento della guarigione.

Dipendono quasi sempre da un’infezione

Nei bambini, il tessuto linfatico è più abbondante che negli adulti. Ecco perché può succedere facilmente che i linfonodi si ingrossino. Nella quasi totalità dei casi, le linfoadenopatie, cioè le alterazioni dei linfonodi in termini di dimensione, numero e consistenza, dipendono da un’infezione virale o batterica e si risolvono da sole nell’arco di quattro-sei settimane.

I segnali da osservare

“Le nuove linee guida rappresentano uno strumento utile nella diagnosi e nel trattamento a domicilio e in ospedale del bambino con linfoadenopatia della testa e del collo e hanno lo scopo di selezionare, alla luce delle migliori prove scientifiche disponibili, gli interventi più efficaci e sicuri per la gestione e le cure di queste patologie” ha spiegato Susanna Esposito, presidente della SITIP. Secondo gli esperti, sono tre i parametri da considerare nella diagnosi delle linfoadenopatie: la dimensione del linfonodo, l’età del bambino e i sintomi associati. Per quanto riguarda la grandezza dei linfonodi, è bene chiedere accertamenti se il diametro è superiore a 1 cm nella zona cervicale o ascellare e 1,5 cm nella zona inguinale.

Attenzione agli altri disturbi

Gli altri disturbi presenti possono aiutare a capire la malattia alla base: in presenza di febbre, rinite, tosse, eruzione cutanea o congiuntivite si può sospettare un’origine virale, mentre graffi di animali domestici possono dare origine a un’infezione batterica. Anche l’età fornisce indicazioni utili. Per esempio, occorre sapere che nei bambini di età compresa fra uno e quattro anni, sono molto diffuse le infezioni batteriche.

In breve

QUALI CURE

Se i linfonodi ingrossati dipendono da infezioni virali, in genere, non si prescrivono farmaci. Nel caso di infezioni batteriche, invece, il pediatra può consigliare un ciclo di 10-14 giorni di terapia antibiotica.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti