Si può dare la melatonina al bambino che non dorme?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 02/02/2023 Aggiornato il 02/02/2023

Se il piccolo non riposa bene di notte, innanzitutto è importante modificare la routine pre-sonno. Sì alla melatonina al bambino ma solo se la prescrive il pediatra

Prima di dare le melatinoina ai bambini occorre il parere del pediatra

Se il bimbo di notte non dorme è bene cercare di risolvere il problema modificando la routine pre-nanna, piuttosto che somministrare subito la melatonina al bambino. A spiegare cosa sia e come funzioni la melatonina, e perché è meglio utilizzarla solo in casi di effettiva necessità e strettamente dietro prescrizione del pediatra evitando il cosiddetto “fai-da-te”, è Piero Valentini, pediatra del Policlinico Gemelli di Roma.

Perché il piccolo non dorme?

“Se il bambino non riposa bene durante la notte ci sta comunicando che qualcosa non va”, spiega lo studioso. È, quindi, importante capire il motivo all’origine delle difficoltà che il piccolo ha nel prendere sonno o dei frequenti risvegli notturni, evitando di somministrare subito prodotti farmaceutici per provare a ‘eliminare’ il problema. “

Spesso la mancanza di sonno è un meccanismo di allerta che il nostro organismo ha per comunicare che qualcosa non va. Soprattutto nei bambini più piccoli che non sanno ancora esprimersi”, afferma Valentini. E dunque è bene, per prima cosa, cercare di capire perché il piccolo non ne vuole sapere di dormire oppure si sveglia spesso durante la notte: può darsi ad esempio che abbia le coliche oppure, se più grandicello, un malessere di varia tipologia, anche leggero.

Quali abitudini ostacolano il sonno dei piccoli?

Un riposo notturno non soddisfacente può inoltre essere conseguenza di abitudini genitoriali che non facilitano l’addormentamento: “Se per esempio i bambini vengono portati a tarda ora in locali affollati e posti chiassosi, è ovvio che poi avranno ricadute sul ritmo sonno-veglia”, precisa Valentini. E spesso un bambino che non ha dormito abbastanza di notte recupera di giorno, facendo saltare i ritmi anche della notte successiva, innescando un circolo vizioso. Dunque, davanti al sonno disturbato del nostro bambino, “bisogna prima di tutto seguire regole di accudimento corrette” e vedere se la situazione migliora, spiega Valentini. Successivamente, se il problema non passa, “è bene rivolgersi al pediatra”, precisa l’esperto.

Quali sono le regole per una buona routine del sonno?

Per accompagnare il bambino verso un riposo notturno sereno basta seguire alcuni accorgimenti, prima di ricorrere alla melatonina. In generale, è importante creare un ambiente domestico tranquillo e rilassante, lontano da stimoli visivi e uditivi che risultino iperstimolanti: è quindi buona norma spegnere tv, tablet e cellulari() almeno un’ora prima di andare a dormire. È poi bene cenare almeno un’ora e mezza prima di mettersi sotto le coperte perché lo stomaco pieno non aiuta il sonno, e ricordare di non consumare bibite eccitanti (coca-cola, cioccolato o tè) a cena.

Cos’è la melatonina e come funziona?

In ogni caso mai ricorrere alla somministrazione “fai-da-te” della melatonina per il bambino. Ormone normalmente prodotto nell’epifisi, che è una ghiandola presente nel nostro cervello, la melatonina ha la capacità di regolare il ritmo sonno-veglia. In particolare se da un lato sembra riduca di poco il tempo necessario per addormentarsi, dall’altro sembra favorire un sonno di migliore qualità e durata. E sebbene gli effetti siano blandi, è comunque sconsigliata la somministrazione “fai-da-te”, mentre è fortemente raccomandato farsi guidare dal pediatra: “Non dimentichiamo che qualunque farmaco in sovradosaggio può creare effetti collaterali – ricorda Valentini -. Per i bambino al quale viene consigliata la melatonina nei primi anni di vita esistono prodotti a dosaggi minimi”.

 

 

 
 
 

In sintesi

 

Da quando si può dare la melatonina al bambino?

 

La melatonina può essere data al bambino a qualunque età, neonati compresi, ma esclusivamente nei casi selezionati dal pediatra e dietro prescrizione medica.

Quali sono gli effetti collaterali della melatonina?

Gli effetti collaterali della melatonina hanno maggiori probabilità di interessare i consumatori cronici di questa sostanza, piuttosto che i consumatori sporadici. Gli effetti collaterali più comuni sono la sonnolenza diurna, la cefalea, le vertigini.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tintura dei capelli: fa male in gravidanza?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non esistono più in commercio prodotti per tingere i capelli dannosi in gravidanza, quindi si possono usare tranquillamente. E quetso vale anche in allattamento.   »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Fai la tua domanda agli specialisti