Lo sviluppo motorio del bimbo – 12-18 mesi

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 05/05/2017

Il piccolo riesce a muoversi in maniera sempre più fine e coordinata: riesce ad afferrare gli oggetti, anche di piccole dimensioni, sa chinarsi e poi rialzarsi da solo, sa spostarsi per riuscire a prendere un oggetto distante da lui

Lo sviluppo motorio del bimbo – 12-18 mesi

Il piccolo a questa età in genere possiede una buona padronanza dei suoi movimenti e sa spostarsi nello spazio in modo autonomo, anche se un po’ incerto. I miglioramenti sono rapidi e imprevisti.

Inizia a stare in posizione eretta e a camminare

All’inizio ha bisogno che qualcuno, come la mamma o il papà, lo tenga per mano, o di un mobile, come il divano, cui appoggiarsi, poi impara gradualmente a camminare da solo, anche se per qualche tempo con un’andatura ancora incerta ed esitante. La sua posizione è piuttosto buffa: gambe divaricate, piedi a papera e braccia agitate per non perdere l’equilibrio. Que-sti primi passi segnano per lui l’inizio di una nuova indipendenza e di nuove conquiste. Quando si solleva da terra, il piccolo usa una “tecnica” strana: punta le mani sul pavimento, fa leva sulle braccia, alza in aria il sederino e raddrizza le gambe. E, con un colpo di reni, torna di nuovo in piedi. 

Il piccolo impara anche a cadere senza farsi male: se cade a pancia in giù tende istintivamente ad allungare le manine in avanti per proteggersi, mentre quando cade all’indietro piega le gambine e si siede sul pannolone, per attutire il colpo.

  • Affronta le scale
  • Comincia a correre
  • Si sposta per prendere un oggetto

Già intorno ai dodici mesi di vita le sue mani possiedono capacità decisamente più raffinate: il piccolo è in grado di tenere con una mano sola il biscotto o il biberon e riesce a prendere con due dita un oggetto molto piccolo. La sua impulsività lo spinge a infilare le dita in ogni fessura: è importante stare molto attenti che il bimbo non incappi in qualche pericolo.

Esprime con il volto i suoi sentimenti

Il piccolo impara a esprimere i sentimenti con la mimica del volto: sorride se è felice, sgrana gli occhi quando è sorpreso o quando qualcosa attira la sua curiosità, fa smorfie con la bocca per indicare che qualcosa non gli piace.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Nonni che baciano sulla bocca il bambino: che grande sbaglio!

Il bacio sulla bocca è un gesto che appartiene al mondo degli adulti, quindi è sbagliato che i nonni se lo scambino con i nipotini. A maggior ragione se la mamma lo ha vietato.   »

Cosa deve mangiare a un anno di vita?

Le più recenti linee guida suggeriscono che dallo svezzamento in avanti il bambino dovrebbe mangiare gli stessi pasti del resto della famiglia.   »

Senza pannolino quant’è difficile!

Può capitare che i bambini non ancora abbastanza pronti per dire addio al pannolino, se vengono forzati all'uso del vasino inizino a ignorare lo stimolo a evacuare.   »

Fai la tua domanda agli specialisti