Cosa fare se il bambino ha gli incubi di notte?

Paola Risi A cura di Paola Risi Pubblicato il 04/11/2022 Aggiornato il 04/11/2022

Capita spesso ai genitori di essere svegliati nel cuore della notte dal pianto e da un grido del proprio bambino a causa di un brutto sogno. Ecco come comportarsi se il bambino ha gli incubi di notte

cosa fare se il bambino ha gli incubi di notte

L’incubo è un sogno spaventoso che si verifica nella fase Rem del sonno (quella in cui è presente attività onirica) causando il brusco risveglio del bambino che, in genere, si mette a piangere e a urlare chiamando la mamma e il papà in cerca di un conforto. Ecco perché capitano gli incubi al bambino e come comportarsi.

Quali dei seguenti disturbi fa parte delle parasonnie?

Proprio come il sonnambulismo e il Pavor nocturnus, gli incubi rientrano nelle cosiddette parasonnie (perturbazioni non patologiche del sonno), compaiono indicativamente verso i 2 anni di età e risultano piuttosto frequenti nel corso di tutta la prima infanzia: in pratica, se i sogni dei neonati consistono per lo più in semplici immagini legate al vissuto quotidiano, quelli dei bimbi più grandicelli corrispondono a elaborazioni dell’esistenza giornaliera progressivamente più articolate che, in alcuni casi, attivano queste forme particolari di sogno che si associano alle loro paure più profonde.

Quando iniziano ad avere gli incubi i bambini?

Intorno ai 2-3 anni di età, il bambino affronta una tappa delicata dello sviluppo psicologico che, accanto ad alcuni passaggi fondamentali in direzione di una crescente autonomia (inizia a camminare, a parlare e, in generale, a fare sempre più cose da solo), tende a evidenziare la comparsa di una vaga sensazione di insicurezza: il percorso verso l’indipendenza, infatti, si associa al progressivo distacco dalla figura materna. Il piccolo non è ovviamente consapevole di questo processo ma percepisce un generico senso di ansia che finisce appunto per essere convogliato nelle classiche “paure” dell’età infantile (dell’uomo nero, della strega cattiva, del buio), personaggi e condizioni che gli consentono di “mettere in scena” il proprio turbamento e, in qualche modo, di liberarsene.

Cosa fare se il bambino ha gli incubi?

È importante anzitutto essere consapevoli che per un bambino di quest’età il confine tra realtà e immaginazione è ancora molto sottile e le sensazioni vissute nel corso dell’incubo tendono a persistere e a spaventarlo anche dopo il risveglio: quando chiama nel corso della notte in preda al terrore, sarebbe quindi sbagliato minimizzare la sua paura anche se per tranquillizarlo. È più opportuno invece assumere un atteggiamento comprensivo e rassicurante seguendo questi semplici consigli:

  • raggiungerlo nella sua camera, accendere una luce bassa, sedersi sul lettino e abbracciarlo forte: il contatto fisico col genitore è molto più efficace delle parole per calmarlo;
  •  fargli raccontare il sogno quando appare un po’ più tranquillo (verso i 3 anni dovrebbe essere in grado di ricostruirlo) per poi rassicurarlo, dicendogli che tutto è passato, che si è trattato di un sogno, che non è accaduto nulla in realtà e quindi che non deve avere più paura;
  •  vedere se riesce a riaddormentarsi da solo, una volta trascorso ancora un po’ di tempo con lui, rassicurandolo sul fatto che si è lì vicino e che dopo poco si tornerà a vedere se fa la nanna.

 

 

 
 
 

In sintesi

A cosa sono dovuti gli incubi del bambino?

A quest’eta è del tutto normale che i sogni del bambino si popolino di tali paure e, in alcuni casi, si trasformino in veri e propri incubi: ciò tende ad avvenire più di frequente quando sono presenti vissuti di stress connessi a cambiamenti o a eventi destabilizzanti (per esempio l’arrivo di un fratellino, l’inserimento alla scuola materna.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti