No al cellulare baby sitter. Allerta dei pediatri

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 10/10/2019 Aggiornato il 10/10/2019

Di fronte a dati sempre più allarmanti e all’atteggiamento di molti genitori, i pediatri scendono in campo contro il cellulare baby sitter.

No al cellulare baby sitter. Allerta dei pediatri

Bambini capricciosi, irrequieti, che non stanno seduti composti mentre mangiano, gridano al ristorante, disturbano nei negozi. Così è sempre più frequente vedere genitori mettere in mano ai figli, anche molto piccoli, un cellulare baby sitter, per tenerli impegnati e sedare i capricci. E il primo telefonino personale viene regalato sempre prima, a volte già a 10 o 11 anni.

Conferme da due studi

Lo riporta la Società italiana di pediatria (Sip) presentando i dati di uno studio condotto su piccoli fino a otto anni di età e pubblicato sulla rivista Italian Journal of Pediatrics. Gli specialisti raccontano che anche durante le visite in ambulatorio hanno riscontrato quota pratica da parte di mamme e papà, utilizzata senza sensi di colpa per affrontare il colloquio con il pediatra senza distrazioni. Ma il cellulare baby sitter ha non trascurabili effetti sulla crescita neurologica e psicologica dei bambini, che la maggior parte dei genitori ignora.

Danni su più fronti

Del cellulare baby sitter, usato come “pacificatore”, vengono ignorati tutti i rischi: esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche, sviluppo di sovrappeso e obesità dovuti alla sedentarietà e all’abitudine di mangiare mentre si è incollati al display, conseguenze a lungo termine sullo sviluppo di competenze e relazioni interpersonali sane. Senza contare che i piccolini, non supervisionati dagli adulti, possono accedere a programmi e immagini inadeguate, violente o non strutturate per la loro età. Secondo i pediatri, i bambini “digitali” rischiano sedentarietà, aumento di peso, disturbi di concentrazione, ritardi nello sviluppo linguistico e difficoltà di relazione, ma anche, a lungo termine, una vera e propria dipendenza dagli schermi. 

 

 
 
 

Da sapere! 

Fino ai 18 mesi, secondo i pediatri americani, vale il bando totale della tecnologia: meglio le esperienze in grado di stimolare i sensi ed esplorare l’ambiente: tappeto morbido, pappe, giochi con mamma e papà.

Fonti / Bibliografia

  • Media devices in pre-school children: the recommendations of the Italian pediatric society | Italian Journal of Pediatrics | Full TextYoung children are too often exposed to mobile devices (MD) and most of them had their own device. The adverse effects of a early and prolonged exposure to digital technology on pre-school children has been described by several studies. Aim of the study is to analyze the consequences of MD exposure in pre-school children. We analyzed the documented effects of media exposure on children’s mental and physical health. According to recent studies, MD may interfere with learning, children development, well being, sleep, sight, listening, caregiver-child relationship. Pediatricians should be aware of both the beneficial and side effects of MD and give advice to the families, according to children’s age. In according to literature, the Italian Pediatric Society suggest that the media device exposure in childhood should be modulated by supervisors.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti