Passeggini coperti per proteggere i bambini dall’inquinamento?

Per evitare che i bambini respirino troppa aria inquinata sarebbe importante utilizzare i passeggini coperti. Ecco quali

Inquinamento e smog sono problematiche sempre più diffuse, non solo nelle grandi metropoli, ma anche nei piccoli centri di molte regioni italiane. I loro effetti dannosi sono universali, poiché colpiscono indistintamente grandi e piccoli. Tuttavia, occorre considerare che i bambini sono particolarmente suscettibili alle conseguenze provocate nell’organismo dalle sostanze inquinanti. Per questo, è importante osservare tutte le precauzioni possibili per proteggerli. Fra queste, una delle più importanti consisterebbe nell’uso di passeggini coperti. A ribadirlo è uno studio condotto da un team di ricercatori britannici, dell’Università del Surrey, e pubblicato sulla rivista Environmental Pollution.

Allarme nelle ore più trafficate

La ricerca è stata condotta a Guildford, una città inglese di oltre 70mila abitanti. I ricercatori hanno esaminato il livello di smog e inquinamento in diverse parti della città e hanno calcolato il tempo di esposizione alle sostanze inquinanti durante vari percorsi. Complessivamente, hanno condotto test su 64 spostamenti, per un totale di 80 chilometri percorsi. Durante questi trasferimenti hanno anche provato a usare dei passeggini coperti per verificare se i bambini risultassero più protetti. Lo scopo era capire le zone della città più inquinate e l’impatto sulla salute dei più piccoli.

Le protezioni riducono il passaggio dello smog

Dall’analisi condotta è emerso che i punti caratterizzati dal maggior livello di inquinamento corrispondevano alle fermate degli autobus e agli incroci con semafori. Nel corso dei loro test, i ricercatori hanno, però, notato che utilizzare le classiche protezioni di plastica anti-pioggia di cui sono dotati i passeggini anche quando il tempo è bello è comunque utile: si tratta, infatti, di un modo efficace per diminuire il livello di smog con cui entrano in contatto i bimbi. Queste protezioni formano una vera e propria barriera meccanica che ostacola il passaggio delle sostanze inquinanti. In particolare, risultano preziose nelle ore più congestionate, quando il traffico diventa intenso. Soprattutto al mattino quando, secondo la ricerca, le particelle inquinanti di piccole dimensioni sono presenti in quantità maggiore (il Pm1 del 47% in più rispetto al pomeriggio e il Pm 2,5 il 31% in più).

 

 

 
 
 

In breve

PERCHÉ I BIMBI RISCHIANO DI PIU’

Diverse ricerche hanno evidenziato che i bambini sono più sensibili allo smog e all’inquinamento atmosferico degli adulti a causa dei loro sistemi ancora in via di sviluppo, e dunque immaturi, e del loro basso peso corporeo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti