Passeggini coperti per proteggere i bambini dall’inquinamento?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/04/2017 Aggiornato il 06/04/2017

Per evitare che i bambini respirino troppa aria inquinata sarebbe importante utilizzare i passeggini coperti. Ecco quali

Passeggini coperti per proteggere i bambini dall’inquinamento?

Inquinamento e smog sono problematiche sempre più diffuse, non solo nelle grandi metropoli, ma anche nei piccoli centri di molte regioni italiane. I loro effetti dannosi sono universali, poiché colpiscono indistintamente grandi e piccoli. Tuttavia, occorre considerare che i bambini sono particolarmente suscettibili alle conseguenze provocate nell’organismo dalle sostanze inquinanti. Per questo, è importante osservare tutte le precauzioni possibili per proteggerli. Fra queste, una delle più importanti consisterebbe nell’uso di passeggini coperti. A ribadirlo è uno studio condotto da un team di ricercatori britannici, dell’Università del Surrey, e pubblicato sulla rivista Environmental Pollution.

Allarme nelle ore più trafficate

La ricerca è stata condotta a Guildford, una città inglese di oltre 70mila abitanti. I ricercatori hanno esaminato il livello di smog e inquinamento in diverse parti della città e hanno calcolato il tempo di esposizione alle sostanze inquinanti durante vari percorsi. Complessivamente, hanno condotto test su 64 spostamenti, per un totale di 80 chilometri percorsi. Durante questi trasferimenti hanno anche provato a usare dei passeggini coperti per verificare se i bambini risultassero più protetti. Lo scopo era capire le zone della città più inquinate e l’impatto sulla salute dei più piccoli.

Le protezioni riducono il passaggio dello smog

Dall’analisi condotta è emerso che i punti caratterizzati dal maggior livello di inquinamento corrispondevano alle fermate degli autobus e agli incroci con semafori. Nel corso dei loro test, i ricercatori hanno, però, notato che utilizzare le classiche protezioni di plastica anti-pioggia di cui sono dotati i passeggini anche quando il tempo è bello è comunque utile: si tratta, infatti, di un modo efficace per diminuire il livello di smog con cui entrano in contatto i bimbi. Queste protezioni formano una vera e propria barriera meccanica che ostacola il passaggio delle sostanze inquinanti. In particolare, risultano preziose nelle ore più congestionate, quando il traffico diventa intenso. Soprattutto al mattino quando, secondo la ricerca, le particelle inquinanti di piccole dimensioni sono presenti in quantità maggiore (il Pm1 del 47% in più rispetto al pomeriggio e il Pm 2,5 il 31% in più).

 

 

 
 
 

In breve

PERCHÉ I BIMBI RISCHIANO DI PIU’

Diverse ricerche hanno evidenziato che i bambini sono più sensibili allo smog e all’inquinamento atmosferico degli adulti a causa dei loro sistemi ancora in via di sviluppo, e dunque immaturi, e del loro basso peso corporeo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti