Passeggino: così è più sicuro

I traumi da passeggino sono in aumento, ma bastano pochi accorgimenti per rendere più sicuro questo mezzo di trasporto indispensabile per i bambini

Secondo uno studio della Nationwide Children Hospital degli USA, gli incidenti e i conseguenti traumi dovuti a cadute da seggiolone e passeggino sono in aumento tra i bambini piccoli.

Un incremento significativo negli ultimi 20 anni

Tra il 1990 e il 2010 sarebbero stati oltre 360mila gli ingressi al pronto soccorso di bambini caduti dalla sdraietta o dal passeggino, in pratica uno ogni due ore. Nella maggioranza dei casi, il motivo è la caduta, il 67% delle volte dal passeggino e il 63% dal seggiolone, seguita dal ribaltamento rispettivamente nel 16% e nel 29%. dei casi. Sono la testa e il volto le parti più colpite dei piccoli e spesso il rischio è di un trauma cranico. Il fatto preoccupante è che in soli 20 anni si è passati dal 19% degli infortuni al 42% nel caso dei passeggini, con un aumento simile per i seggioloni.

Genitori spesso distratti

Il motivo di questo boom sarebbe soprattutto legato alla distrazione dei genitori e alla mancata osservazione di poche e semplici regole di sicurezza. Innanzitutto è opportuno fissare sempre il bambino al supporto con le cinghie, evitare di utilizzare il passeggino per appendere borse o oggetti vari e di inserire sempre il freno quando si è fermi. Da non sottovalutare, inoltre, le dimensioni e l’altezza: il passeggino deve essere adatto all’età del bambino e non troppo alto.

 

 

 
 
 

In breve

ATTENZIONE ANCHE AL SEGGIOLINO AUTO

È importante posizionare correttamente il seggiolino in auto, seguendo scrupolosamente le indicazioni del fornitore, per evitare traumi al neonato, ancora sprovvisto del meccanismo di difesa che porta gli adulti a irrigidire la muscolatura durante l’impatto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti