Passeggino: così è più sicuro

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 07/10/2016 Aggiornato il 07/10/2016

I traumi da passeggino sono in aumento, ma bastano pochi accorgimenti per rendere più sicuro questo mezzo di trasporto indispensabile per i bambini

Passeggino: così è più sicuro

Secondo uno studio della Nationwide Children Hospital degli USA, gli incidenti e i conseguenti traumi dovuti a cadute da seggiolone e passeggino sono in aumento tra i bambini piccoli.

Un incremento significativo negli ultimi 20 anni

Tra il 1990 e il 2010 sarebbero stati oltre 360mila gli ingressi al pronto soccorso di bambini caduti dalla sdraietta o dal passeggino, in pratica uno ogni due ore. Nella maggioranza dei casi, il motivo è la caduta, il 67% delle volte dal passeggino e il 63% dal seggiolone, seguita dal ribaltamento rispettivamente nel 16% e nel 29%. dei casi. Sono la testa e il volto le parti più colpite dei piccoli e spesso il rischio è di un trauma cranico. Il fatto preoccupante è che in soli 20 anni si è passati dal 19% degli infortuni al 42% nel caso dei passeggini, con un aumento simile per i seggioloni.

Genitori spesso distratti

Il motivo di questo boom sarebbe soprattutto legato alla distrazione dei genitori e alla mancata osservazione di poche e semplici regole di sicurezza. Innanzitutto è opportuno fissare sempre il bambino al supporto con le cinghie, evitare di utilizzare il passeggino per appendere borse o oggetti vari e di inserire sempre il freno quando si è fermi. Da non sottovalutare, inoltre, le dimensioni e l’altezza: il passeggino deve essere adatto all’età del bambino e non troppo alto.

 

 

 
 
 

In breve

ATTENZIONE ANCHE AL SEGGIOLINO AUTO

È importante posizionare correttamente il seggiolino in auto, seguendo scrupolosamente le indicazioni del fornitore, per evitare traumi al neonato, ancora sprovvisto del meccanismo di difesa che porta gli adulti a irrigidire la muscolatura durante l’impatto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti