Passo dopo passo il bambino impara a camminare e a correre

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/02/2012 Aggiornato il 17/02/2012

Dai primi tentativi fino a saper camminare e correre con disinvoltura. Ecco, passo dopo passo, come un bambino impara a muoversi bene

Passo dopo passo il bambino impara a camminare e a correre

Ogni bambino ha i suoi tempi di sviluppo psicomotorio, ma molti all’età di un anno compiono i loro primi passi. All’inizio ancora incerti, impacciati e buffi. È tuttavia un inizio che, passo dopo passo, li porterà verso una nuova indipendenza. Ci vorrà ovviamente del tempo e… tante cadute. Ecco, in particolare, le piccole conquiste del bambino da uno fino ai tre anni, quando, passo dopo passo, raggiungerà la piena padronanza dei suoi movimenti.

Affronta le scale

Verso i 17-18 mesi il piccolo inizia a fare le scale: dapprima soltanto a gattoni, poi finalmente, dopo avere preso un po’ di confidenza, riesce a salirle in piedi (anche se deve essere tenuto ancora per mano da un adulto).

Comincia a correre

Sempre intorno ai 17-18 mesi, dal momento che ormai sa camminare con una certa sicurezza, il bambino prova a fare le sue prime corsette, anche se ancora un po’ a fatica. All’inizio infatti la sua corsa è ancora un po’ incerta e barcollante, basta un nonnulla per farlo tentennare o cadere, ma passo dopo passo affina sempre di più le sue capacità. Verso i 24 mesi il bambino è ormai capace di correre bene, senza perdere l’equilibrio.

Cammina all’indietro

All’età di un anno e mezzo, riesce non solo a camminare con sicurezza, ma anche a fare piccoli passi barcollanti all’indietro. Il bambino sa anche chinarsi per raccogliere un oggetto e rialzarsi senza alcun problema.

Sale e scende le scale

Da solo, magari reggendosi con la mano alla ringhiera, ma comunque senza l’aiuto di nessuno. Il bambino, dopo l’anno e mezzo, è in genere anche capace di scendere le scale (anche se è meglio che venga tenuto per mano da un adulto, dal momento che è solo dopo i due anni che non avrà più bisogno di sostegni).

Inizia a calciare la palla

Anche se ancora in maniera impacciata, il piccolo inizia a calciare la palla. A volte può cadere o sbagliare mira, ma comincia a prendere gradualmente confidenza con questi movimenti.

Sa correre e arrampicarsi

All’età di due anni è abile e vitale: sa correre e arrampicarsi con disinvoltura. Queste capacità sono tuttavia molto variabili da bimbo a bimbo, in base alle esperienze fatte in precedenza. Se un bambino è stato lasciato libero di giocare e “sperimentare” impara presto a muoversi con sicurezza e agilità; se invece è stato cresciuto con la paura di muoversi e di farsi male, si muoverà con più insicurezza e avrà bisogno di più tempo per “lanciarsi” in movimenti più azzardati.

Impara a pedalare

Intorno ai due anni e mezzo, il bambino impara a usare il triciclo, muovendo le gambine per pedalare. Riesce anche a stare seduto stabilmente sul sellino e a tenere le mani ferme sul manubrio mentre pedala.

In breve

A che età i primi passi?

In genere, dagli 11 ai 15 mesi il piccolo inizia a camminare. Non c’è da allarmarsi se è in ritardo, perché ognuno ha i suoi tempi: un bambino pigro può anche iniziare a camminare a 18 mesi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Intolleranza al latte in bimba di due anni: c’è da dubitarne!

22/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A due anni di età non è nemmeno da ipotizzare un'intolleranza al latte quindi è lecito dubitare di una simile diagnosi.   »

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti