Prevenire obesità infantile con esami del sangue

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/09/2014 Aggiornato il 11/09/2014

L'obesità infantile si può prevenire esaminando le variazioni di un particolare gene a 5 anni di età. Lo dice una recente ricerca britannica

Prevenire obesità infantile con esami del sangue

Un semplice esame del sangue fatto a cinque anni di età è in grado di prevedere se un bambino diventerà obeso o meno nel corso degli anni della sua crescita. Questo consentirebbe di cercare di correre subito ai ripari, per prevenire l’obesità infantile, prima che il sovrappeso diventi sempre più marcato e difficile da eliminare.

È scritto nel Dna

A fare questa scoperta sono gli scienziati delle università di Southampton, Plymouth ed Exeter che hanno condotto una ricerca su 300 bambini di Plymouth seguendoli passo passo dai 5 anni di età fino ai 14 e analizzando il Dna di 40 di loro. L’obiettivo era quello di trovare il modo di prevenire l’obesità infantile. I ricercatori hanno, così, scoperto che il sovrappeso è scritto nel Dna. In particolare, i livelli di metilazione del gene PCG1a all’età di 5 anni possono predire la quantità di tessuto adiposo che sarà presente quando i bambini avranno compiuto 14 anni. E tutto questo indipendentemente dal sesso del bambino, da quanta attività fisica svolge e dall’età cui è entrato nella pubertà.

Segnali già visibili a 5 anni

Secondo i dati raccolti dagli scienziati, già a 5 anni di età un aumento del 10% della metilazione del gene PCG1a, noto per la sua capacità di regolare l’accumulo di grasso nel corpo e analizzabile tramite un semplice prelievo del sangue, può corrispondere a un aumento anche del 12% del grasso corporeo all’età di 14 anni. I risultati dell’indagine scientifica sono stati pubblicati sulla rivista “Diabetes”.

Intervenire precocemente

Tutto serve per prevenire l’obesità infantile. “È importante sapere quali bambini sono a rischio perché è possibile fornire loro un aiuto, ad esempio suggerimenti sulla loro alimentazione, precocemente e prima che inizino ad ingrassare” ha dichiarato Graham Burdges, corresponsabile della ricerca che è stata chiamata “Early birds”. ”Speriamo – ha detto ancora Burdge – che questa scoperta ci aiuti a mettere a punto e sperimentare nuovi metodi per evitare che i bambini vadano incontro all’obesità e che possano essere utilizzati prima che un bambino inizi ad accumulare peso in eccesso”.

Servono maggiori controlli

“Tuttavia – ha concluso Burdge – ora sarà necessario verificare i nostri risultati in gruppi più ampi di bambini per stabilire l’esattezza scientifica della scoperta e se possa venire applicato lo stesso principio su larga scala”.

L’obesità infantile è pericolosa

Da notare che il sovrappeso accumulato nell’infanzia è poi difficile da smaltire negli anni, in quanto le cellule adipose aumentano di numero in modo sproporzionato. Per questo l’obesità infantile va combattuta subito, senza aspettare, non con diete drastiche ma con una sana alimentazione, tanta attività fisica e un coinvolgimento dell’ambiente dove vive il bimbo. Spesso, va seguita l’intera famiglia, anche perché se l’obesità è legata in qualche modo al Dna, vi è senz’altro una predisposizione ereditaria che mette a rischio anche i genitori e i fratelli.  

In breve

L’OBESITÀ NON È SOLO DETERMINATA DAL DNA

Sembra che alcuni scienziati delle università britanniche abbiano scoperto che le variazioni di un determinato gene indichino la tendenza all’obesità. Questo non significa che non ci sia nulla da fare. Si tratterebbe in ogni caso di una tendenza, che è possibile contrastare.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti