Problemi di coppia dopo il parto? I bebè lo sentono (e soffrono)

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 16/09/2019 Aggiornato il 16/09/2019

Uno studio ha scoperto che, anche se molto piccoli, i bambini si accorgono dei problemi di coppia dei genitori, che spesso insorgono dopo il parto

Problemi di coppia dopo il parto? I bebè lo sentono (e soffrono)

Ansia e stress in gravidanza e problemi di coppia dopo il parto possono favorire problemi emotivi e comportamentali nel bimbo a 24 mesi: dall’eccessiva tendenza al pianto a capricci, dispetti e difficoltà a stare fermi. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Development & Psychopathology condotto presso le università di Cambridge, Birmingham, New York e Leida.

Critici i primi due anni di vita

Seguendo 438 coppie dalla gravidanza al compimento del secondo anno di vita del bambino, i ricercatori hanno constatato che se le condizioni emotive materne in gravidanza incidono a lungo termine sul temperamento del bebè, ciò è vero anche per i problemi di coppia dopo il parto, che possono insorgere tra i neogenitori sin nei primissimi mesi di vita del bambino che è più capriccioso, tendente al pianto, dispettoso e frenetico, ma anche più pauroso e più attaccato ai genitori nelle situazioni nuove a 2 anni. Secondo gli autori lo studio suggerisce l’importanza di un supporto continuo alle coppie sia prima sia dopo la nascita, specie del primo figlio, per favorire un corretto sviluppo emotivo e comportamentale del bambino.

Assimilano tensioni ed espressioni

Già altri studi precedenti avevano evidenziato gli effetti dei problemi di coppia dopo il parto sul benessere emotivo e psicologico dei figli.  Quando i genitori si mostrano nervosi e in tensione, i figli ne risentono sviluppando irrequietezza e ansia. Questo condizionamento emotivo è riscontrabile a ogni età, ma è tanto più forte quanto più i bambini sono piccoli, per un semplice motivo: inconsapevolmente, i genitori si relazionano ai figli di pochi anni di età molto più attraverso sguardi, espressioni del viso e contatti fisici, cioè un tipo di comunicazione non verbale, che non con le parole. Questo modo di interagire è più accentuato quando i bimbi non sono ancora in grado di parlare e comunicano solo con gesti e azioni. È sufficiente un sorriso in meno o un muso imbronciato per far passare la propria inquietudine ai piccoli.

 

Da sapere!

Specchio inconsapevole e involontario degli stati d’animo dei genitori, i bambini assorbono come spugne malumori e tensioni di mamma e papà, spesso senza che questi se ne rendano conto.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti