Sole per i bambini: come esporli per non correre rischi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/07/2019 Aggiornato il 24/07/2019

Il sole per i bambini può diventare un pericolo anche a distanza di anni, predisponendoli a serie malattie della pelle come il melanoma. Tutte le norme per un’esposizione sicura

Sole per i bambini: come esporli per non correre rischi

Le scottature da piccoli lasciano il segno anche da grandi, favorendo la comparsa di melanoma. Perciò la prudenza quando si espongono i bambini al sole non è mai troppa. Il sole non va però demonizzato perché  apporta numerosi benefici all’organismo (ossa più forti e robuste grazie alla vitamina D).

La pelle “tiene in memoria” le scottature dell’infanzia

Soprattutto il sole per i bambini può rappresentare un serio pericolo per la loro pelle che è estremamente sottile e perciò delicata. Pediatri e dermatologi, infatti, sottolineano la necessità di mettere in atto misure precauzionali mirate per i più piccoli e, in linea generale, raccomandano ai genitori di non esporre i bambini fino all’anno di età. Anche dopo l’anno di età l’attenzione dei genitori alla corretta esposizione al sole dei figli non deve mai venire meno perché la pelle dei bimbi, rispetto a quella degli adulti, è più permeabile ai raggi Uv essendo più sottile, e non è quindi in grado di svolgere al meglio la sua funzione di barriera protettiva. La conseguenza immediata è che la cute rischia facilmente di scottarsi e, secondo quanto dimostrano numerosi studi scientifici, le bruciature prese anche in tenera età rappresentano un fattore predisponente allo sviluppo di melanomi da adulti. È quasi come se la pelle “tenesse in memoria” il sole che ha preso in giovanissima età. In particolare, alcune ricerche dimostrano che l’80 per cento del danno solare si accumula e poi si sviluppa entro i 18 anni di età, anche se si manifesta solo in età adulta, in particolare tra i 30 e i 50 anni.

Protezione massima per i più piccoli

L’esposizione al sole per i bambini non deve mai essere diretta, nel senso che i piccoli devono essere sempre protetti oltre che da uno schermo totale (SPF 50+) anche da maglietta, cappellino e occhiali da sole (con lenti omologate). In più, occorre evitare di stare in spiaggia nelle ore di massima irradiazione, cioè dalle 11 alle 16.

Se ha la carnagione molto chiara…

Il sole per i bambini con fototipo molto chiaro, ovvero con capelli biondo-rosso e occhi chiari è estremamente dannoso. La crema protettiva a schermo solare andrà dunque spalmata con molta frequenza e non ci si dovrà assolutamente dimenticare di tenere il bambino sempre protetto con cappello, maglietta, occhiali da sole e anche pantaloncini.

Occhio alle luci riflesse e all’altitudine

Le luci provenienti da superfici come sabbia, cemento e neve possono essere pericolose perché si possono riflettere sui bambini. Anche stare sotto l’ombrellone non garantisce una protezione sicura perché i raggi Uvb e Uva filtrano lo stesso. Studi scientifici dimostrano che occorre fare attenzione anche nelle giornate nuvolose quando comunque fino all’80 per cento delle radiazioni raggiunge la Terra. Non bisogna poi dimenticarsi che dai 300 metri sul livello del mare in su, l’intensità del sole aumenta del 4-5 per cento. I bambini vanno quindi protetti come al mare, ma con un’accortezza in più per quanto riguarda la scelta degli occhiali da sole che devono avere lenti in grado di filtrare i raggi Uva e Uvb.

Esamina la pelle

I genitori devono controllare regolarmente se sulla pelle del bambino sono comparse delle escrescenze che danno prurito e cambiano di colore.

Dare il buon esempio

Perché i bambini imparino le corrette regole di esposizione è importante che i genitori diano il buon esempio non esponendosi nelle ore più calde, utilizzando le giuste creme protettive eccetera.

In breve

Attenzione al sole: le precauzioni per i più piccoli

Il sole è traditore. Se da un lato apporta notevoli benefici all’organismo, dall’altro espone al rischio di scottature che, anche se prese da piccoli, da adulti possono tradursi in pericolose malattie della pelle. I bambini in particolare vanno quindi protetti con schermi totali, cappellino, occhiali da sole e maglietta, evitando di tenerli al sole nelle ore di massima irradiazione solare. Scopri con noi le regole per un sole sicuro.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti