Un orecchio bionico per i difetti dell’udito dei bambini

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 12/07/2021 Aggiornato il 12/07/2021

I difetti dell’udito dei bambini possono limitare l’apprendimento e la comunicazione. Oggi le nuove tecnologie permettono di affrontare e risolvere il problema

Un orecchio bionico per i difetti dell’udito dei bambini

Spesso i difetti dell’udito dei bambini possono essere prevenuti, agendo sulla salute della donna in gravidanza, con i vaccini contro malattie come la rosolia. Nella prima infanzia, adeguate cure mediche aiutano a evitare forme serie di otite che possono danneggiare l’udito. Nonostante questo, ogni anno, come affermato dalla Società italiana di pediatria in un suo rapporto, circa due bambini su mille nascono con un disturbo congenito e permanente dell’udito. Questa situazione può causare difficoltà nel corretto sviluppo del bambino, limitando le capacità comunicative e impedendo che le qualità intellettuali del piccolo si sviluppino pienamente.

Un orecchio tecnologico

Oggi la tecnologia ha permesso di mettere a punto protesi di ultima generazione, in grado di sostituire le funzioni della coclea e quindi di correggere i più seri difetti dell’udito dei bambini. Si tratta più esattamente di un nuovo impianto cocleare, detto anche orecchio bionico, utilizzato anche all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, indicato per i piccoli con sordità profonda bilaterale  L’impianto è costituito da una componente interna e di una esterna. La parte interna consiste in un sottilissimo filo metallico dotato di elettrodi che viene inserito nella coclea. Inoltre è presente un magnete che è posizionato sotto la pelle, al di sopra del padiglione auricolare. La componente esterna è dotata di un secondo magnete e di un processore del linguaggio, un dispositivo che raccoglie i suoni provenienti dall’ambiente, li elabora e li trasmette alla componente interna.

Meglio prima dei 18 mesi

L’intervento per il posizionamento dell’orecchio bionico avviene in anestesia generale. Solitamente si consiglia di eseguirlo tra uno e due anni, meglio entro l’anno e mezzo di età, quando il sistema nervoso è al massimo della sua plasticità, ossia è più ricettivo nei confronti degli stimoli nervosi che riceve e può quindi avere i maggiori benefici dall’intervento. Il chirurgo effettua un piccolo taglio dietro l’orecchio, attraverso il quale si raggiunge la coclea dove viene sistemato il filo porta-elettrodi. La ferita chirurgica guarisce 10-15 giorni circa dopo l’intervento, non restano segni visibili esternamente e il bambino può riprendere la sua vita normale, senza che nessuna attività sia preclusa.  

Per chi è adatto

L’impianto cocleare non è necessario per tutti i tipi di difetti uditivi nei bambini, ma per i piccoli che hanno un problema di sordità profonda bilaterale, presente dalla nascita o acquisita nel corso della vita. In questi casi, le protesi acustiche tradizionali non sono risolutive per far recuperare adeguate capacità uditive. È invece essenziale intervenire perché i bambini con sordità profonda senza impianto cocleare non possono contare su un buon canale di comunicazione uditivo-verbale e quindi non avranno la possibilità di sviluppare un linguaggio adeguato. L’impianto cocleare ripristina la capacità di sentirci bene, quindi permette al bambino di accedere a tutte le informazioni sonore necessarie per un corretto sviluppo delle competenze espressive e linguistiche.

 

 
 
 

Da ricordare

È importante curare la salute uditiva dei bambini prevenendo eventuali otiti medie con una corretta igiene nasale in caso di raffreddore e parlandone con il pediatra. Infezioni ricorrenti possono infatti provocare lievi abbassamenti dell’udito.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti