Abuso di alcol: danni al cervello degli adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/08/2017 Aggiornato il 09/08/2017

I dati segnalano un allarmante abuso di alcol tra i ragazzini. Devastanti i possibili effetti, anche sullo sviluppo cerebrale

Abuso di alcol: danni al cervello degli adolescenti

L’ abuso di alcol da adolescenti modifica la forma dei neuroni. A confermare la pericolosità dell’ abuso di alcol in età giovanile è uno studio della Research Society on Alcoholism, in Texas (Stati Uniti) che descrive l’impatto sulle cellule cerebrali e sul comportamento,dell’esposizione continuativa e intermittente alle bevande alcoliche durante l’adolescenza.

Il test in laboratorio

I ricercatori hanno condotto due test sui topi testando il consumo di alcol e la sensibilità all’intossicazione. In seguito hanno misurato i cambiamenti nella densità e nella struttura delle spine dendritiche (terminazioni dei neuroni) presenti in alcune zone della corteccia e dell’amigdala. Hanno così potuto concludere che l’ abuso di alcol durante l’adolescenza produce alterazioni significative e persistenti nella densità spinale dendritica dei neuroni presenti della corteccia infralimbica e nelle regioni basilaterali dell’amigdala. Questi cambiamenti sono accompagnati da alterazioni comportamentali, con conseguenze durature e potenzialmente dannose. Ecco perché, per i ricercatori, bere spesso alcolici da adolescenti modifica la forma dei neuroni.

In Italia è allarme rosso

Nel 2016, certifica l’Istat, è aumentato il consumo occasionale di alcol (dal 38,8% del 2006 al 43,3% del 2016), anche lontano dai pasti (dal 26,1% al 29,2%). Tra le categorie che eccedono più di frequente, ci sono gli adolescenti. La popolazione giovane è quella più a rischio per il binge drinking, ovvero il consumo di 6 o più bicchieri di bevande alcoliche in un’unica occasione. Dati allarmanti, considerando anche il dato secondo cui bere spesso alcolici da adolescenti modifica la forma dei neuroni.

Il sondaggio di Telefono Azzurro

Il 50,6% degli adolescenti intervistati da Telefono Azzurro dichiara di bere alcolici, con un trend crescente nel passaggio dalla preadolescenza all’adolescenza. Un dato che si attesta attorno al 31% per la fascia di età 11-14 anni e al 66,3% per la fascia 15-19 anni. Dalla stessa indagine emerge come l’alcol sia una sostanza non solo diffusa e accessibile, ma anche spesso usata in modo incontrollato: la metà degli adolescenti dice di essersi ubriacato almeno una volta; il 33% almeno una volta nell’ultimo mese; il 16% tre o più volte nell’ultimo mese.

 

In breve

UN PERIODO PERICOLOSO PER LO SVILUPPO DELLE DIPENDENZE

Il passaggio dall’adolescenza all’età adulta è accompagnato da una maggiore vulnerabilità alle dipendenze. Le conseguenze possono essere dannose anche per gli anni a venire.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti