Addio al mito della magrezza per le adolescenti

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/01/2013 Aggiornato il 24/01/2013

Lo testimonia un’indagine condotta su 5mila ragazze tra i 13 e i 18 anni. Che hanno dimostrato “di godere di buona salute e avere un peso appropriato e sufficiente”. Senza più l’ossessione della magrezza a tutti i costi…

Addio al mito della magrezza per le adolescenti

Il mito della magrezza sembra essere tramontato, almeno tra le giovanissime.
Questo, almeno, è quanto emerso da una recente indagine che è stata condotta su quasi 5mila ragazze, residenti in 16 città italiane, tra i 13 e i 18 anni. I risultati sono stati presentati, e commentati, da Sergio Bernasconi, direttore del dipartimento di pediatria dell’università di Parma, nell’ambito del  XXIV congresso nazionale della Società italiana di pediatria preventiva e sociale. Il primo dato, che è stato illustrato da Bernasconi, è che la maggioranza delle ragazze italiane ha la prima mestruazione a 12 anni e mezzo. Un’età oggi sovrapponibile a quella materna e considerata “giusta” dagli esperti, mentre solo fino a pochi anni fa il menarca delle figlie era anticipato rispetto a quello delle loro madri.

Basta con le diete fai-da-te

Altro elemento di grande interesse è che l’analisi del body mass index (indice di massa corporea) delle giovanissime – che hanno mostrato di godere complessivamente di buona salute – rivela come non eccedano in magrezza o, al contrario, abbiano troppi chili in più. Soltanto l’8-9 per cento del campione, infatti, è stato giudicato obeso, un dato che arriva al 20 per cento se si tiene conto anche del sovrappeso. Come si vede, quindi, sono molte le ragazze “con un peso appropriato”. C’è, poi, da riflettere anche sul fatto che le ragazze che vogliono mantenere il loro peso forma non seguano più le cosiddette diete dimagranti fai-da-te, ma piuttosto preferiscano rivolgersi a un medico che prescriva loro il regime alimentare più idoneo al loro fisico e le segua durante la dieta. In definitiva, una ricerca che ha dato risultati incoraggianti, se si pensa che l’ossessione della magrezza è uno dei fattori che concorrono alla comparsa di quella seria e pericolosa malattia che è l’anoressia.

In breve

A dieta sì, ma solo se prescritta dal medico

Dall’indagine è emerso che anche quelle ragazze che ritengono di essere sovrappeso e desiderano tornare al loro peso forma preferiscono affidarsi a un medico dietologo, che le segua nel tempo, piuttosto che intraprendere una dieta improvvisata e “casalinga”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti