Adolescenti e sexting: campanello d’allarme del sesso precoce

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/08/2014 Aggiornato il 12/08/2014

Chi fa sexting da teenager ha sei volte più probabilità di essere già sessualmente attivo. Lo dice una ricerca americana  

Adolescenti e sexting: campanello d’allarme del sesso precoce

Quanto più un adolescente fa “sexting”, cioè invia messaggi sms, foto o video legati al sesso, tanto più è probabile che sia sessualmente già attivo nel mondo reale. Lo afferma una ricerca pubblicata da “Pediatrics” e condotta dalla University of Southern California.

Già a 12 anni

I ricercatori hanno coinvolto un gruppo di 1.300 studenti con un’età media di 12,3 anni e hanno scoperto che chi spedisce messaggi espliciti ha sei volte in più la possibilità di fare sesso rispetto ai coetanei. In particolare i teeenager che spediscono cento o più messaggi al giorno hanno le maggiori probabilità di essere attivi sessualmente.

Dal virtuale al reale il passo è breve

Inviare e ricevere messaggi, in questo caso, si equivale: chi riceve un sexting ha 23 volte in più le probabilità di inviarne uno. E i teenager che inviano sexting hanno quattro volte in più di probabilità di fare sesso reale rispetto ai coetanei.

In breve

ATTENZIONE ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

Pur avendo un approccio molto precoce al sesso, i giovani di oggi non sono molto preparati per quanto riguarda informazione e prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti