Adolescenti: i disturbi d’ansia guariscono prima dell’età adulta

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/04/2014 Aggiornato il 29/04/2014

Adolescenza: un recente studio dimostra che circa la metà dei disturbi d’ansia degli adolescenti si risolve e non si ripresenta più in futuro

Adolescenti: i disturbi d’ansia guariscono prima dell’età adulta

È normale che mamma e papà, di fronte a un figlio che soffre di disturbi d’ansia, si preoccupino. La situazione non va certo sottovalutata, ma nemmeno vista con eccessivo allarmismo. Infatti, quasi la metà degli adolescenti con questi disturbi guarisce completamente prima dell’età adulta. Lo dimostra uno studio condotto da un team di ricercatori australiani, del Centre for adolescent health del Murdoch children’s research institute di Parkvill, pubblicato sulla rivista The Lancet.

Analizzati quasi 2.000 ragazzi

La ricerca ha interessato 1.943 adolescenti di 44 diverse scuole secondarie. Tutti sono stati sottoposti ad alcuni test e controlli all’età di 15 anni e seguiti fino ai 29 anni. Lo scopo era analizzare la presenza di disturbi d’ansia negli adolescenti e la loro evoluzione nel tempo. Dall’analisi dei risultati è emerso che il 29% dei ragazzi e il 54% delle ragazze, durante l’adolescenza, presentavano qualche disturbo depressivo o ansioso. Ebbene, nella metà dei casi, a partire dai 26 anni di età circa non si sono più manifestate crisi. A risolversi con maggiore facilità in pochi anni erano soprattutto i disturbi psichici singoli, di durata inferiore ai sei mesi.

Passano quando maturano

Ma per quale ragione gli adolescenti sono in grado di superare così bene i disturbi d’ansia? Secondo gli esperti, un motivo è rappresentato dalla maturazione, che avviene nel corso degli anni, dei sistemi che permettono di affrontare gli stimoli e le sfide che arrivano dall’ambiente in cui si vive e di processare le emozioni interne. Un ruolo importante è ricoperto poi dal naturale cambiamento del ruolo sociale: più crescono, più i ragazzi ottengono riconoscimento dagli altri. Di conseguenza, superano i problemi di scarsa autostima  e acquisiscono sicurezza e fiducia in se stessi.

In breve

QUANDO INTERVENIRE

Secondo gli esperti, i disturbi d’ansia degli adolescenti vanno trattati nel momento in cui diventano intensi. “Un intervento terapeutico efficace sui disturbi depressivi persistenti può avere un effetto protettivo sullo sviluppo della personalità e sulla qualità della vita” hanno spiegato gli autori dello studio.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti