Adolescenti: italiani più pigri e obesi d’Europa. Salute a rischio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/05/2016 Aggiornato il 02/05/2016

I dati rivelano che gli adolescenti italiani fanno poco sport, preferiscono videogiochi, tablet e pc. E mangiano male. Con risultati devastanti su peso e salute

Adolescenti: italiani più pigri e obesi d’Europa. Salute a rischio

Gli adolescenti italiani sono pigri e in sovrappeso. Lo rivela il rapporto sulla salute e il benessere dei giovani pubblicato dall’Organizzazione mondiale della sanità, secondo cui più del 30% degli undicenni e dei tredicenni maschi è sovrappeso o obeso. A 15 anni sono il 25%, praticamente uno su 4. Dati allarmanti e purtroppo confermati dall’indagine Okkio alla salute dell’Istituto superiore di sanità, secondo cui il problema si presenta già nell’infanzia. Il 20,9% dei bambini è, infatti, in sovrappeso e il 9,8% è obeso: la media italiana (21%) è 7 punti percentuali sopra quella internazionale.

Maglia nera nello sport

Ancora più preoccupanti i tassi di attività fisica, che ci vedono all’ultimo posto della classifica internazionale sia a 11 anni che a 13. A questa età appena il 5% delle ragazze e l’11% dei ragazzi fa almeno un’ora al giorno di esercizio fisico. Le stime nazionali affermano non solo che gli adolescenti italiani sono pigri e in sovrappeso, ma anche che il 40% di bambini e ragazzi salta la colazione, pasto fondamentale per affrontare al meglio la giornata con il giusto apporto di calorie, affiancato da un dato molto basso di quelli che consumano frutta e verdura regolarmente, almeno una volta al giorno (16%).

Non brillano i rapporti con la famiglia

Un altro capitolo negativo è la relazione con la famiglia: dai dati dell’Oms emerge che i ragazzi italiani hanno meno dimestichezza e capacità di relazionarsi con gli adulti rispetto ai coetanei europei. Non mancano i dati positivi: nel fenomeno del bullismo, per esempio, siamo molto bassi in classifica: a 15 anni, il 2% delle ragazze e il 3% dei ragazzi ne è stato vittima. 

Valori positivi

Anche se gli adolescenti italiani sono pigri e in sovrappeso, un’indagine dell’Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss) ha rivelato che invece i nostri teenager hanno un’alta percezione di sé: il 12% sarebbe disposto a ricorrere alla chirurgia estetica e solo il 5% farebbe qualsiasi cosa pur di vestire all’ultima moda. Gran parte ritiene, infatti, che le cose importanti nella vita siano altre: la salute e gli affetti, sebbene resti confermato anche da questa ricerca il ruolo di secondo piano dei genitori, che a questa età non sembrano più costituire un punto di riferimento solido: poco più del 10% degli adolescenti sceglie di rivolgersi a mamma e papà per discutere dei propri problemi.

 

 

 
 
 

In breve

TROPPO PC E POCO MOVIMENTO

Un elemento a favore della sedentarietà è senza dubbio l’uso smodato di tablet e pc da parte dei ragazzini, che restano con gli occhi inchiodati al display per diverse ore al giorno, sacrificando le amicizie e la vita all’aria aperta.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti