Adolescenti “malati” di smartphone

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 30/10/2019 Aggiornato il 30/10/2019

Sono molti i rischi legati all’abuso dello smartphone; inoltre secondo i medici può disabituare i giovani a pensare e a relazionarsi in maniera naturale con gli altri

Adolescenti “malati” di smartphone

Secondo i dati recenti, lo smartphone viene usato in media 5 ore al giorno, in gran parte per la navigazione in Rete, ma anche per la messaggistica. Per Giovanni Battista Tura, responsabile di psichiatria dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia, questo eccessivo utilizzo del cellulare può generare disturbi, soprattutto per quanto riguarda gli adolescenti.

L’artificiale può sostituire il reale

Secondo il medico lo smartphone porta a un’accelerazione fra intenzione e azione, fra richiesta e soddisfacimento della stessa e non consente più di filtrare, attendere, decidere, procrastinare, rimandare: sostanzialmente, pensare. E poi, la pretesa che i nostri interlocutori siano sempre disponibili, “on line”; la pretesa che i nostri tempi siano i loro. Tutto ciò può diventare il presupposto di sofferenza psichica di diversa natura: se l’artificiale sostituisce il reale, quando poi ci si scontra con la realtà, se non si è preparati, si va in ansia o in depressione. Un circolo vizioso, in cui causa ed effetto si mescolano.

L’adolescenza è un momento delicato

Secondo Tura la situazione diventa particolarmente preoccupante se riferita agli adolescenti: da un lato, perché rappresentano i maggiori fruitori della tecnologia, dall’altro perché, data l’età, stanno già affrontando un delicato processo di transizione, in cui ogni variabile in campo ha un valore specifico elevato, e più queste variabili sono disequilibranti, innaturali e decontestualizzate con il fisiologico crescere, più sono a rischio di generare malessere e reali disturbi. 

I numeri dell’Istat

Secondo dati Istat riferiti al 2018, l’85% degli adolescenti tra 11 e 17 anni usa quotidianamente il telefonino, il 72% naviga su internet tutti i giorni, percentuale che solo 4 anni fa era del 56%. Le più frequenti utilizzatrici sono le ragazze (l’87,5% usa il telefono tutti i giorni). L’accesso a internet è fortemente trainato dagli smartphone, solo il 27% si connette dal pc, percentuale che nel 2014 era del 40%.

 

 
 
 

Da sapere!

Esiste un vero e proprio rischio dipendenza per chi si usa lo smartphone in maniera compulsiva. Fra i tratti riconoscibili, che dovrebbero mettere in allarme i genitori, ci sono ansia e irritabilità dopo un periodo di astinenza, sbalzi d’umore, isolamento, compromissione delle relazioni sociali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti