Adolescenti online: le nuove dipendenze dei ragazzi

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/04/2017 Aggiornato il 10/04/2017

Accumulare “like”: è questa la nuova dipendenza degli adolescenti online. I dati, allarmanti, dell’Osservatorio nazionale adolescenza

Adolescenti online: le nuove dipendenze dei ragazzi

La nuova dipendenza dei ragazzi è la connessione. Gli adolescenti, infatti, sono iper-connessi e si può affermare che vivano per un “like” in più. Infatti, secondo gli esperti, sono numerosi i segnali chiari che evidenziano questo tipo di dipendenza. Recenti sondaggi, infatti, hanno dimostrato che gli adolescenti online sono addirittura tre su dieci e la loro prima azione al mattino è controllare le notifiche e i like ai post e alle foto condivisi. L’Osservatorio Nazionale Adolescenza ha di recente valutato soprattutto l’impatto emotivo e psicologico che esercita l’apprezzamento social sugli adolescenti.

Sempre online

Come primo dato, l’Osservatorio nazionale adolescenza evidenzia che il 98% degli adolescenti possiede uno smartphone e trascorre la maggior parte del suo tempo online. I bambini iniziano sin dalla prima infanzia a maneggiare smartphone e tablet e gli adolescenti online possono riservare anche fino a 6 ore extra-scolastiche per controllare i social network. Inoltre, Internet dà ai più giovani la possibilità di osare inventandosi anche altre identità, spiando i coetanei, iniziando corteggiamenti e flirt virtuali e “al buio”.

Tanti pericoli

I rischi connessi all’uso indiscriminato del web da parte degli adolescenti sono numerosissimi: dal sexting al cyberbullismo sino al reale pericolo di imbattersi in malintenzionati. Il controllo dei genitori, infatti, viene più o meno facilmente aggirato dai ragazzi. Inoltre, cercare l’approvazione sui social network evidenzia tutta una serie di altri comportamenti a rischio, che toccano i frangenti di autostima e capacità relazionale.

A dieta per un selfie

La mania del momento è mettersi a dieta per farsi selfie sempre più accattivanti e prendere ancora più like. I social, infatti, sono nutrimento per il narcisismo ma anche per le cadute a picco della fragile autostima adolescenziale. In questo processo hanno rilevanza anche le influenze malsane delle cosiddette fashion blogger e di conseguenza, anche tutti i trend poco sani lanciati attraverso i social: Thigh Gap (arco tra le gambe), Bikini Bridge (ponte sulla pancia), Sfida della clavicola, Belly Slot (fessura nella pancia) e Belly Button (ruotare il braccio dietro la schiena fino a toccare l’ombelico)

Solo virtuale, poco reale

Trascorrere così tanto tempo online, inoltre, toglie spazio all’interazione sociale reale. Fino a non molto tempo fa, i ragazzi ambivano a uscire e a trascorrere più tempo possibile fuori casa. Ora, invece, si chiudono nelle loro stanze, perdendosi tra immagini, like e vite altrui. L’uso dei dispositivi tecnologici diminuisce anche il rendimento scolastico, soprattutto perché toglie tempo al sonno e al riposo.

 

 

In breve

REAZIONI ESAGERATE E MALSANE

Gli adolescenti iper-connessi adottano anche comportamenti di rabbia e reazioni eccessive legate al mezzo con cui interagiscono: un telefono scarico può scatenare liti furibonde e nervosismi inaspettati.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Fai la tua domanda agli specialisti